in ,

L´Aragosta conquista il Giappone

ALGHERO – I vini di Alghero firmati Cantina Santa Maria La Palma continuano a conquistare un pubblico sempre maggiore, arrivando sino al Giappone. Le etichette Aragosta Vermentino, Aragosta Rosé e Aragosta Brut hanno ricevuto tre medaglie d’oro al Sakura Japan Women’s Wine Awards 2023, uno dei più rilevanti concorsi internazionali del settore. Il premio è unico nel suo genere in quanto si tratta di una manifestazione gestita esclusivamente da una giuria totalmente femminile tra cui figurano esperti, senior sommelier, wine advisor e giornalisti chiamati a scegliere le migliori etichette tra migliaia di partecipanti.

La linea Aragosta rappresenta una delle produzioni di punta della Cantina Santa Maria La Palma: la prima bottiglia di Aragosta è stata etichettata negli anni ‘60 e nel tempo si è affermata dei prodotti più rappresentativi di Alghero e della Sardegna, un vero orgoglio locale. Il Vermentino Aragosta è arrivato alla ribalta internazionale anche nel 2018, venendo indicato da Wine Spectator – una delle più autorevoli testate enogastronomiche americane – come uno dei migliori 100 vini al mondo nel rapporto qualità prezzo. Il percorso dell’Aragosta continua, a distanza di oltre 60 anni dalla sua nascita, generando costantemente un nuovo seguito. Il presidente, lo staff, il management e tutti i dipendenti della Cantina Santa Maria La Palma si mostrano estremamente soddisfatti per i risultati conseguiti, frutto dell’innovazione e del lavoro quotidiano degli oltre 300 soci che coltivano circa 800 ettari di vigneti in Sardegna.

«Vogliamo ringraziare tutti i nostri soci per il grande lavoro e tutte le persone che ogni giorno scelgono i vini della linea Aragosta per accompagnare i propri pasti e i momenti di convivialità – sottolineano dall’azienda – Crediamo che queste etichette siano un valore per l’intero territorio di Alghero e della Sardegna, di cui rappresentano una forte espressione. Vogliamo evidenziare come questi vini siano prodotti che nascono totalmente a livello locale e supportano con forza l’economia del territorio: acquistarli significa sostenere centinaia di famiglie sarde che lavorano sull’isola, in quanto ciò che viene generato dalla Cantina Santa Maria La Palma – in quanto azienda locale cooperativa – è subito investito nel territorio stesso, generando un indotto diretto per i sardi che qui vivono e lavorano. Vogliamo inoltre invitare tutte le persone interessate a venire a visitare la nostra azienda, la “Casa del vino Aragosta”, nella borgata di Santa Maria La Palma, e i nostri punti vendita, come La Cantina, enoteca nel cuore di Alghero: le nostre porte sono aperte per delle belle esperienze dedicate agli amanti del vino e non solo».

Leggi l’articolo su: Alguer.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il Gruppo Calzedonia supera i 3 miliardi

Alghero, Pd: «Bene il sopralluogo sul litorale degradato, ma ci sono tanti altri punti critici»