in ,

Il Porto di Alghero ad Assonat

ALGHERO – Negli scorsi giorni si è svolta l’assemblea annuale di Assonat – Confcommercio. Nel Porto Turistico di Roma ha preso forma una partecipata assemblea dei soci, coordinata dal presidente Luciano Serra, alla presenza del Presidente di Assonautica Italiana Giovanni Acampora e del Coordinatore della Struttura di Missione delle Politiche del Mare Luca Salamone e col vice-presidente di Assonat Antonello Gadau. Presente anche il Porto di Alghero con altri porti sardi tra cui Porto Cervo, Porto Rotondo, Stintino, Castelsardo, Asinara&Porto Torres. Evento di grande rilevanza che ha visto presenti più del 70% dei posti barca nazionali e numerose aziende di servizi aggregati.

Il dibattito è stato incentrato sul Piano del Mare, redatto dal Governo Meloni e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 ottobre. Un documento di grande rilevanza in cui vengono tracciate principali linee guida a cui il comparto deve attenersi. «All’interno del Piano del Mare, che ha visto protagonisti tutti i portatori di interesse che ruotano attorno alla “Risorsa Mare”, sia pubblici che privati, sono stati messi a fuoco i temi dell’industria nautica e della portualità turistica, grazie anche al contributo delle associazioni di settore. In particolare con ASSONAT -spiega Giovanni Acampora – abbiamo portato avanti istanze che mirano a dare al settore dei porti turistici un ruolo centrale nelle politiche dello sviluppo del nostro Paese, questo è solo un punto di partenza, ma di straordinaria rilevanza. Continueremo a lavorare insieme, a partire dai temi della fiscalità, come l’abolizione dell’IMU ai porti turistici e della sburocratizzazione e semplificazione delle procedure, centrali nelle azioni del sistema camerale italiano».

«Siamo particolarmente fieri – ha aggiunto Luciano Serra – delle recenti conquiste associative, fondamentali per salvaguardare la competitività delle nostre imprese. Tra queste, prima su tutte, l’accoglimento del Consiglio di Stato delle nostre istanze in merito all’abnorme aumento del 25% dei canoni demaniali per il 2023, unica associazione ad aver ottenuto tale risultato». L’occasione è stata utile anche per affrontare diverse tematiche legate al comparto tra cui quella cruciale della “direttiva Bolkstein”: il “Piano del Mare” prevede l’esclusione delle concessioni marittime, passaggio che ha trovato favorevole il comparto. Inoltre riflettori puntati sulla progettualità dei “Marina resorts” ovvero la creazione di una rete di strutture ricettive connesse con i vari porti che usufruirebbero di un’importante fiscalità di vantaggio.

Nella foto: Piras e Costantino

Leggi l’articolo su: Alguer.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Area del Sinis confermata nella Carta Ue del turismo sostenibile

Una statua per il campione di boxe Tore Burruni, ecco il bozzetto