in

Bebè abbandonato a Osilo: da tentato omicidio ad abbandono di minore. Ma la Procura fa ricorso

La pm presenta appello contro la riqualificazione del reato da tentato omicidio in abbandono di minore per la 29enne che avrebbe lasciato il suo neonato a Osilo sotto una macchina lo scorso 18 ottobre.

Il 20 dello stesso mese il gip Giuseppe Grotteria aveva anche disposto la liberazione della donna respingendo la richiesta della custodia cautelare in carcere avanzata dalla pm Maria Paola Asara. La stessa Asara nei giorni scorsi ha presentato ricorso anche contro quest’aspetto e la prossima settimana si terrà un’udienza per ridiscutere la vicenda.

Nel frattempo gli inquirenti stanno svolgendo una perizia sul cellulare della donna per ricavare eventuali informazioni utili su quanto avvenuto quella mattina. Secondo una prima ricostruzione, la giovane, che aveva nascosto a tutti la gravidanza, aveva partorito in casa e poi abbandonato il piccolo sotto la macchina dei familiari, i quali l’avevano rinvenuto forse richiamati dal pianto.

Al momento il bimbo, che è stato battezzato con il nome di Francesco in ospedale, non è stato ancora riconosciuto dalla madre. Gli avvocati difensori della donna sono Pietro Fresu, Elisa Caggiari e Gianmarco Mura.

© Riproduzione riservata

Leggi l’articolo su: L’Unione Sarda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Incendio nella pineta di Portu Ainu, mincciate case e residence

Stintino in vetrina al salone delle Vacanze di Lugano