in

Quasi 5mila impianti fotovoltaici installati dalle imprese

Sono 4.768 gli impianti
fotovoltaici installati dalle imprese del manifatturiero, delle
costruzioni e del terziario della Sardegna che producono 237 GWh
per autoconsumo. Da questo calcolo sono esclusi gli impianti per
la produzione di energia da vendere. Secondo l’indicatore
territoriale di intensità di diffusione degli impianti
fotovoltaici nelle imprese, ogni 1.000 addetti operanti in
queste attività vengono prodotti 0,725 MegaWatt, collocando così
la regione in posizione intermedia (9° posto tra le regioni),
anche se superiore del 34,4% alla media nazionale.

   
Nel 2022 la Sardegna è stata la terza regione per dinamica
della produzione complessiva di tutti gli impianti fotovoltaici
installati (residenziali, agricoli, imprese della produzione di
energia elettrica e imprese manifatturiere, costruzioni e
terziario no energy) segnando un aumento del 16,4% rispetto al
2021, superiore al +12,3% della media nazionale e al +11,2%
della media delle regioni del Mezzogiorno, collocandosi dietro a
Lazio (+19,9%) e Lombardia (+17,2%) e davanti a Liguria (+15,1%)
e P.A. Trento (+14,5%). Sono questi i dati che emergono dal
dossier su “La produzione di energia fotovoltaica nelle imprese
della Sardegna”, elaborata dall’Ufficio Studi di Confartigianato
Sardegna, su dati GSE del primo trimestre di quest’anno.

   
Il report rileva anche come, sempre nel primo scorcio del
2023, l’aumento della produzione rispetto allo stesso periodo
dell’anno precedente sia più accentuato in Sicilia (+20,3%),
seguita da Sardegna (+16,3%), Lombardia (+11,8%) e Piemonte
(+9,6%), a fronte del +4,4% medio nazionale. Nel più lungo
periodo, la Sardegna è la regione italiana più dinamica per
produzione con FV: nell’arco di un quinquennio, tra il 2017 e il
2022, la produzione lorda degli impianti fotovoltaici in Italia
in Sardegna è salita del 34,5%, più del doppio della media
nazionale (+15,4%) e quasi il triplo della media del Mezzogiorno
(+11,2%), collocandosi davanti a Lombardia con +28,8%, Liguria
con +25,7%, Veneto con +24,9%, Friuli Venezia Giulia con +21,3%,
Valle D’Aosta con +20,8%, Provincia Autonoma di Trento con
+20,7%, Lazio con +18,6%.

   
Inoltre, l’attività di installazione e gestione degli impianti
fotovoltaici influenza i risultati economici delle 2.270 imprese
che in Sardegna operano in settori interessati dalla filiera
FER: installazione impianti elettrici, produzione di motori,
generatori e trasformatori elettrici, turbine e
turboalternatori, produzione di energia elettrica, recupero e
preparazione per riciclaggio di rifiuti solidi urbani,
industriali e biomasse.

   
“L’inclinazione degli imprenditori sardi verso il fotovoltaico –
commenta Maria Amelia Lai, presidente di Confartigianato Imprese
Sardegna – va sostenuta con interventi strutturali pensati per
le realtà produttive. L’utilizzo dei fondi del Pnrr, deve essere
ripensato in quest’ottica, altrimenti rischiamo di perdere
un’opportunità straordinaria”.

   
Sempre secondo il dossier di Confartigianato Sardegna,
nell’Isola la quota di potenza installata su impianti
Fotovoltaici a terra è del 40%, superiore al 34% medio
nazionale, a fronte del restante 60% riferito a impianti
collocati su edifici, capannoni, tettoie, serre e su altre
superfici. Inoltre, la nota trimestrale del GSE indica come al
31 marzo 2022 la superfice lorda occupata dagli impianti a terra
in Sardegna sia di 638,9 ettari (ha), con una incidenza della
superfice occupata dai pannelli rispetto alla superficie
agricola utilizzabile dello 0,05%, inferiore alla media Italia
dello 0,13%.

   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Leggi l’articolo su: Ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Villanova Monteleone, il sindaco Vincenzo Ligios conferma le dimissioni

Incidente sulla statale 125, ‘Orientale’ chiusa a Sinnai