in

Messina Denaro, la nipote del boss rinuncia alla difesa del capomafia per le stragi del ’92

 E’ prevista per domani l’udienza del processo in corso davanti alla corte d’assise d’appello di Caltanissetta, che vede Matteo Messina Denaro imputato per le stragi di Capaci e Via D’Amelio costate la vita ai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e agli agenti di scorta.

Mafia, arrestata Rosalia, sorella del boss Matteo Messina Denaro. Accusata di associazione mafiosa

    Lorenza Guttadauro, nipote del capomafia, da lui nominata legale di fiducia, non difenderà il padrino in questo procedimento. Ha infatti rinunciato al mandato perchè, secondo quanto si apprende, non avrebbe avuto il tempo di preparare l’arringa difensiva prevista proprio per domani.

    Alla scorsa udienza del 18 gennaio, fissata due giorni dopo l’arresto del boss, la penalista, chiese alla corte un termine a difesa proprio per studiare gli atti del processo fino ad allora seguito da legali di ufficio. Ma gli impegni dettati dalle visite allo zio detenuto a L’Aquila e dalla partecipazione agli interrogatori ai quali è stato sottoposto non le avrebbero consentito di completare l’approfondimento di un processo molto complesso.
    In primo grado Messina Denaro è stato condannato all’ergastolo. Alla scorsa udienza ha scelto di non partecipare attraverso il collegamento in videoconferenza.

   

Leggi l’articolo su: Ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Depuratore di Valledoria: primo sopralluogo tecnico di Egas dopo l’avvio dei lavori

Aumentano i femminicidi, in un anno 125 donne uccise