in

Sassari, barelle in reparto, aumenta il caos all’AOU. Interrogazione di Desirè Manca

Riceviamo e pubblichiamo le dichiarazioni della consigliera regionale del M5s Desirè Manca che ha presentato un’interrogazione al Presidente Solinas e all’assessore alla Sanità Doria per chiedere come intendano attivarsi per risolvere il problema del sovraffollamento dei reparti all’Aou di Sassari.

“Sovraffollamento dei reparti di degenza, pronto soccorso costantemente in affanno, personale costretto a sopportare carichi di lavoro aggiuntivi, aumento del rischio e scadimento della qualità dell’assistenza. Sono un’infinità gli effetti tangibili, tutti negativi, prodotti dagli ultimi provvedimenti adottati dall’Aou di Sassari nell’ambito della riorganizzazione del flusso di ricoveri urgenti di area medica, avvenuta, tra l’altro, senza il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali”.

“Dopo il taglio di ventisei posti letto nel reparto di Lungodegenza di Sassari– osserva Desirè Manca – e di diciassette posti letto ad Ittiri, avvenuto due anni fa, per tutto il nord Sardegna restano soltanto diciassette posti letto destinati alla Lungodegenza a Thiesi. Mentre, contrariamente a quanto previsto nella bozza di atto aziendale dell’Asl, nessun reparto di Lungodegenza è stato finora aperto ad Alghero e Ozieri, con la conseguente perdita di circa dieci posti letto. Nel territorio di Sassari fino a poco tempo fa i posti letto erano sessanta e attualmente sono solo diciassette”.

“Inoltre, l’ordine di servizio con cui il Direttore sanitario ha autorizzato le barelle nei reparti ha creato nuove gravi criticità: nei reparti di area medica – spiega Desirè Manca – il numero di posti letto aggiuntivi oscilla fra i ventidue e i trenta. Soluzione che ha appena scalfito il problema dell’affollamento in Pronto Soccorso, creando peraltro una serie di rischi aggiuntivi preoccupanti”.

“Come si può pensare di autorizzare l’ingresso in reparto delle barelle, considerate alla stregua di posti letto, senza prevedere un potenziamento della pianta organica? I medici e gli infermieri stanno sopportando un carico di lavoro extra in condizioni che si presentavano già al limite della tolleranza. Come si possono prendere tali decisioni senza considerare la conseguente compromissione del livello di qualità dell’assistenza?”

Così la consigliera regionale del M5s Desirè Manca ha presentato un’interrogazione al Presidente Solinas e all’assessore alla Sanità Doria per chiedere come intendano attivarsi per risolvere il problema del sovraffollamento dei reparti all’Aou di Sassari.

“Le condizioni di sofferenza del pronto soccorso aumentano di giorno in giorno, la richiesta di interventi è sempre più pressante e non più gestibile dai medici e dagli infermieri che devono fare i salti mortali per trovare un posto letto ai pazienti in attesa di ricovero. La costante presenza di posti letto aggiuntivi sta mandando in tilt anche i reparti, in cui le condizioni di rischio per degenti e operatori sono triplicate. L’Aou, dal primo gennaio, ha deciso di chiudere il reparto di Lungodegenza, ma nel frattempo non è stata posta in essere alcuna azione efficace volta a potenziare la capacità ricettiva e operativa del pronto soccorso e dei reparti di area medica. La coperta è rimasta sempre la stessa, ed è evidentemente troppo corta”.

Leggi l’articolo su: SassariNotizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Ecoforum, Sardegna al 2° posto nella classifica italiana per la raccolta differenziata

Alghero: pesca a strascico con rete-trappola, multato il comandante