+ 16°C
logo ViviSassari

Vigne in ginocchio dopo la tempesta di maestrale nel Sassarese e ad Alghero

Home / Notizie

Vigne in ginocchio dopo la tempesta di maestrale nel Sassarese e ad Alghero

Date: May 27, 2019
Author: La Nuova Sardegna 12 Nessun commento

SASSARI. Le dita incrociate non sono bastate. Purtroppo il maltempo dei giorni scorsi sta facendo emergere danni importanti per le aziende agricole. Oltre al settore apistico che sta registrando perdite dal 30 al 70% a causa di un aprile e maggio autunnale e della siccità dei mesi di gennaio e febbraio, ad essere colpita dalla tempesta di vento dello scorso fine settimana è soprattutto la viticoltura. A lanciare l’allarme è la Coldiretti Nord Sardegna che sta raccogliendo le segnalazioni dei propri soci e si è già attivata inviando delle lettere ai Comuni interessati per attivare le procedure per la richiesta di calamità naturale.

Criticità e danni soprattutto ad Alghero, dove si trova la maggiore superficie coltivata a vite della Sardegna, con circa 1.250 ettari, e in Gallura, territorio in cui sono presenti circa 7.800 ettari. Dalle verifiche effettuate dai tecnici della cantina Santa Maria La Palma di Alghero, con soci anche nei Comuni Sassari, Olmedo, Usini, Uri e Ittiri, sono emersi danni generalizzati sul 100% della superficie vitata.

«L’elevata intensità di vento ricco di aerosol marino – spiega il presidente della cantina Mario Peretto – ha prodotto ingenti danni ai vigneti. Assistiamo fenomeni di allessatura e necrosi totale o parziale delle infiorescenze e dei germogli e il disseccamento generalizzato delle foglie».

«L’entità dei danni rilevanti per diffusione e intensità sono tali da compromettere la campagna agraria delle singole aziende interessate e costituiscono motivo di grande preoccupazione anche per l’attività produttiva e commerciale della cantina», sottolinea Peretto. Parecchi danni anche sull’altro versante, in Gallura. «Una parte è già visibile – afferma il presidente di Coldiretti Olbia Alessandro Mancini – mentre bisognerà aspettare qualche giorno per vedere il comportamento del grappolo».

«Non c’è settore che non sia stato colpito pesantemente dalle bizze climatiche – conferma il presidente di Coldiretti Nord Sardegna Battista Cualbu – Un clima stravolto dove a prevalere sono gli estremismi, siccità o troppa e violenta pioggia, fortissime folate di vento, grandinate e gelate fuori stagione».

La Giunta comunale di Alghero ha dichiarato lo stato di calamità naturale nel proprio territorio in seguito agli eventi atmosferici di domenica scorsa, che hanno colpito l’area provocando ingenti danni alle colture, specie vigneti e oliveti. Da oggi e sino a venerdì 17 maggio, le vittime dei danni potranno fare richiesta di rimborso all’ufficio protocollo del Comune. Successivamente le domande saranno inoltrate alla sede territoriale di Argea, che disporrà i sopralluoghi mediante contatti diretti con gli interessati.

Con questo provvedimento la Giunta comunale guidata da Mario Bruno risponde tempestivamente alla richiesta formulata dal capogruppo in Consiglio comunale del Partito democratico, Mimmo Pirisi, che proprio questa mattina aveva sollecitato il sindaco ad attivarsi in tal senso. (ANSA).


fonte: https://www.lanuovasardegna.it/sassari/cronaca/2019/05/10/news/vigne-in-ginocchio-dopo-la-tempesta-di-maestrale-nel-sassarese-e-ad-alghero-1.17814608

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *