SASSARI. Ha urlato “Allah Akbar” (‘Allah è il più grande’), distruggendo la camera di detenzione, allagando l’intera sezione e lanciando dei pezzi di termosifone che hanno colpito gli agenti penitenziari intervenuti a calmare gli animi.

fonte: La Nuova Sardegna