+ 22°C
logo ViviSassari

Sassari, risse e spaccio nel bar “Clean Osazuwa”: la polizia mette i sigilli

Home / Notizie

Sassari, risse e spaccio nel bar “Clean Osazuwa”: la polizia mette i sigilli

Date: Apr 21, 2019
Author: La Nuova Sardegna 15 Nessun commento

SASSARI. Era diventato una polveriera in pieno centro storico che rischiava di saltare in aria da un momento all’altro. Da tempo il dito degli abitanti del quartiere di San Donato era puntato contro il bar “Clean Osazuwa”, gestito da cittadini nigeriani, che secondo i residenti della zona non rispettavano le regole della convivenza civile.

Ora la polizia ha scoperto che – oltre agli schiamazzi continui e la musica a tutto volume – il locale era diventato una piccola centrale di spaccio e ritrovo abituale di pregiudicati che, tra risse e liti avevano reso impossibile la vita a chi abita nell’antico quartiere del centro.

Due giorni fa gli agenti della polizia amministrativa e sociale della questura hanno notificato al titolare del bar un provvedimento di chiusura temporanea disposto dal questore Diego Buso. A far scattare i sigilli nel locale sono stati i ripetuti interventi delle forze di polizia, numerosi dei quali effettuati dopo le ripetute segnalazioni da parte dei cittadini, esasperati per quello che accadeva all’interno e all’esterno del bar.

Dopo le tante denunce gli agenti della questura hanno deciso di tenere d’occhio il locale e accertato che il bar “Clean Osazuwa” era diventato il ritrovo abitale di persone pregiudicate o comunque segnalate all’autorità giudiziaria per fatti legati alla droga.

Lo scorso ottobre, al culmine di una furibonda rissa, italiani ed extracomunitari si erano affrontati con bastoni, bottiglie, catene e cinghie, seminando il panico nel quartiere. Era stata una delle prime avvisaglie che aveva fatto accendere un campanello d’allarme tra le forze di polizia.

I giorni scorsi alcuni avventori del bar sono stati arrestati per spaccio e a fine marzo un’altra rissa fuori dal locale aveva suscitato la rivolta dei residenti, che si erano rivolti alle forze dell’ordine e all’amministrazione chiedendo soluzioni definitive. Nell’estate del 2017 il locale aveva avviato l’attività senza alcuna autorizzazione e successivamente – quando da circolo abusivo era diventato locale pubblico – era stato destinatario di un provvedimento di sequestro della strumentazione musicale da parte della polizia locale. Il locale si trova a pochi passi dalla scuola di San Donato e gli abitanti del quartiere una ventina di giorni fa, tra le altre cose, hanno lamentato una situazione di pericolo proprio per i bambini che si recano a scuola.

Della

vicenda insieme agli uomini della questura e a gli agenti della polizia locale si erano occupati anche i funzionari del servizio Sian della Asl che avevano avviato un’indagine per capire se il locale avesse i presupposti sanitari per continuare e restare aperto al pubblico.


fonte: https://www.lanuovasardegna.it/sassari/cronaca/2019/04/13/news/risse-e-spaccio-scattano-i-sigilli-1.17800678

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X