+ 26°C
logo ViviSassari

«Sanzioni a Bigella e De Marco»

Home / Notizie

«Sanzioni a Bigella e De Marco»

Date: Jun 24, 2019
Author: La Nuova Sardegna 42 Nessun commento

PORTO TORRES. Il comandante della polizia locale Katia Onida ha deciso di difendersi attraverso il regolamento comunale dalle gravi accuse subite – “a totale discapito delle sue qualità morali e della capacità professionale del ruolo che riveste” – dalla consigliera comunale del M5S Loredana De Marco nella seduta consiliare dello scorso 29 marzo. In quella occasione la comandante sottolinea di avere riscontrato una grave violazione dell’articolo 44 del Regolamento per il funzionamento del consiglio comunale, che prevede la seduta consiliare in forma segreta quando vengono trattati argomenti che comportano apprezzamenti di capacità e correttezza nei confronti di terze persone. Un “tema” scottante sul quale la comandante non ha mai avuto l’autorizzazione per rispondere a parole davanti alla stessa consigliera e al consiglio comunale, nonostante la richiesta avanzata in due diverse occasioni dai consiglieri di opposizione. Davanti a un doppio rifiuto di esporre le sue ragioni dentro l’aula consiliare, ha così scelto di inviare una nota scritta al segretario generale del Comune di Porto Torres, Mariuccia Cossu, chiedendo l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie (stabilite dal Decreto legislativo numero 267 del 2000) alla consigliera comunale Loredana De Marco e al presidente del consiglio Gavino Bigella. Alla prima «per aver espresso gravi accuse» nei confronti della stessa comandante, riguardo alla presunta mancata apposizione della firma nel regolamento per l’esercizio del commercio su aree pubbliche. E al presidente per non avere invece chiuso quella specifica seduta consiliare senza ulteriori interventi, subordinando ad una apposita deliberazione dello stesso consiglio il passaggio in seduta segreta.

«Voglio sottolineare la gravità e l’inammissibilità dei pesanti apprezzamenti che la consigliera Loredana De Marco ha espresso nei miei confronti nel corso della seduta pubblica del consiglio comunale – scrive la comandante Onida –, per criticare la correttezza, la capacità, la professionalità e il comportamento: in quella dichiarazione c’è stata dunque una manifesta violazione dell’articolo 44 sia da parte della consigliera, per avere proferito lei stessa gravi apprezzamenti su una persona in seduta pubblica, sia da parte del presidente del consiglio per non avere disposto l’immediata chiusura della seduta così come prevede il regolamento».

Un articolo per il buon funzionamento del consiglio comunale che descrive chiaramente i limiti di certe dichiarazioni, perchè quando vengono trattati argomenti che comportano apprezzamenti di capacità e correttezza delle persone, la seduta consiliare deve svolgersi a porte chiuse. Ed è proprio per questo motivo che la comandante

Onida chiede espressamente al segretario comunale, quale garante della legalità, di applicare l’articolo 44 del regolamento a tutela di chi è stata tirata in ballo dalla consigliera Loredana De Marco durante una seduta pubblica svolta a porte aperte.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


fonte: https://www.lanuovasardegna.it/sassari/cronaca/2019/04/12/news/sanzioni-a-bigella-e-de-marco-1.17800082

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *