Sanità: presentata la programmazione attuativa locale 2019-2021

Soletta: «Il progetto dell’ospedale di comunità sarà uno strumento di integrazione ospedale-territorio»

Sanità: presentata la programmazione attuativa locale 2019-2021

Di:
Antonio Caria

Mercoledì 14 novembre la Sala Angioy del Palazzo della Provincia di Sassari ha ospitato la presentazione della programmazione attuativa locale per il triennio 2019/2021.

Alla riunione, presieduta da l Sindaco di Thiesi e presidente della conferenza territoriale Gianfranco Soletta, ha preso parte anche il Direttore ASSL, il dottor Pierpaolo Pani assieme al suo staff. 

Il documento espone gli obiettivi strategici nell’area territoriale di competenza della ATS Sardegna – ASSL Sassari. Per le strutture territoriali del Meilogu è previsto l’attuazione del progetto relativo alla casa della salute e ospedale di comunità h12 di Thiesi e la riqualificazione della struttura territoriale Manai di Bonorva. 

«Il progetto dell’ospedale di comunità – ha sottolineato Soletta – sarà uno strumento di integrazione ospedale-territorio e di continuità delle cure erogate sulla base di una riconversione di posti letto per la degenza della struttura già esistente rimodulata all’interno di un nuovo modello organizzativo. La responsabilità clinica è affidata a medici ospedalieri h12, ai medici di famiglia o ad altro medico, mentre l’assistenza è garantita da infermieri presenti continuativamente nelle 24 ore».

Gli Ospedali di comunità sono strutture intermedie tra l’assistenza domiciliare e l’ospedale, una sorta di ponte tra i servizi territoriali e l’ospedale per tutte quelle persone che non hanno necessità di essere ricoverate in reparti specialistici, ma necessitano di un’assistenza sanitaria che non potrebbero ricevere a domicilio.

A garanzia della continuità dell’assistenza avranno un ruolo fondamentale la distribuzione della medicina specialistica tra la casa Manai e la casa della salute di Thiesi, tenendo in considerazione la necessita di potenziarla in base alle esigenze della popolazione e attraverso dei programmi di comprovata efficacia.

«È necessario ampliare i servizi offerti sul territorio – ha ribadito Soletta al direttore Pierpaolo Pani.– attraverso un sistema di assistenza a rete tra la necessità di evitare scelte antieconomiche e quella di non privare le aree periferiche come il Meilogu di servizi ritenuti fondamentali».

Altro tema discusso è stato quello delle liste di attesa che, per il prossimo piano triennale, prevede delle azioni per il miglioramento e l’abbattimento definitivo di alcune problematiche, tra cui la gestione delle prime visite unitamente a quelle successive. Inoltre per quanto riguarda gli investimenti per l’ammodernamento e la ristrutturazione delle strutture di Ittiri e Thiesi una somma di 800mila euro e di 400mila per Casa Manai. 

«Questo è il risultato – ha concluso Soletta – ottenuto dopo un lungo percorso di riqualificazione della struttura che mettesse al centro il cittadino, la salute e le reali necessità del territorio e che ovviamente non porterà ad una chiusura ma ad un efficace potenziamento dei servizi». 


fonte: Sardegna Live