NULVI. E’ una vera e propria pioggia di finanziamenti quella ottenuta di recente dal Comune di Nulvi, beneaugurante quasi quanto le recenti piogge che dovrebbero sgombrare il rischio di un estate siccitosa. Il lavoro di squadra dell’intera Giunta comunale guidata dal sindaco Antonello Cubaiu e dall’assessore ai Lavori Pubblici Luigi Cuccureddu ha dato i suoi frutti ed hanno felicemente aperto le voci in entrata del bilancio comunale con la supervisione dell’assessore al Bilancio Marta Meloni. «Un totale complessivo che supera i due milioni e mezzo di euro – spiega Cuccureddu – ottenuti attraverso la partecipazione ai vari bandi regionali di settore finanziati con fondi europei, nei quali il Comune di Nulvi è stato premiato per la capacità e la qualità progettuale. 500 mila euro serviranno per eseguire opere di efficientamento energetico nelle strutture pubbliche, che porteranno nel breve periodo importanti risparmi sulle bollette dell’energia elettrica e che potranno essere utilizzati per le esigenze quotidiane. 600 mila euro arrivano invece per migliorare le condizioni della viabilità rurale, con il Comune di Nulvi capofila insieme a Osilo e Sennori. L’obiettivo è quello di eseguire opere di ripristino e miglioramento delle condizioni di sicurezza e transitabilità nella strada intercomunale Nulvi-Osilo, comunemente conosciuta come strada “De su Riu Mannu”. Con l’accordo di programma e delega alle Unioni dei Comuni dell’Anglona e del Coros finanziato dalla Regione il Comune di Nulvi ha ottenuto 1.081.000 euro di cui 900mila per il completamento e la musealizzazione dell’ex convento di San Bonaventura e per il restauro della chiesa campestre di Sant’Antonio Abate e ulteriori 91mila euro per la riqualificazione dell’area del pozzo sacro di Nuraghe Irru. Un ulteriore finanziamento di 400mila euro arriverà dal

progetto regionale Isc@la, asse II che l’assessore all’Istruzione Elvira Decortes utilizzerà per eseguire opere di ristrutturazione e arredo dei locali della scuola secondaria di primo grado, i cui appalti sono in procinto di partire in tempi brevi.

Mauro Tedde

fonte: La Nuova Sardegna