+ 12°C
logo ViviSassari

Ospedali, cambio in cucina rinviato di una settimana

Home / Notizie

Ospedali, cambio in cucina rinviato di una settimana

Date: May 20, 2019
Author: La Nuova Sardegna 34 Nessun commento

SASSARI. Mense bollenti negli ospedali di Alghero, Ozieri, Thiesi, Ittiri e nelle comunità protette “Le ginestre”, “L’approdo”, “Gli ulivi” e “I mandorli”. L’annunciato cambio di gestione del servizio, in calendario il prossimo venerdì, slitterà ancora di una settimana. A deciderlo l’Ats che: «dopo aver condotto una mediazione tra le parti a tutela dei lavoratori, ha accettato la richiesta avanzata dalle associazioni sindacali». «L’obiettivo, già condiviso con il Prefetto di Sassari – continua la nota dell’azienda – è quello di trovare un nuovo accordo capace sia di salvaguardare tutti i posti di lavoro sia di rispettare appieno i dettami della normativa nazionale ed europea in materia di appalti. L’Ats Sardegna ricorda che il modello giuridico adottato sulla cessazione dell’affidamento in proroga di uno specifico servizio è stato accolto dal Consiglio di Stato e dal Tribunale Amministrativo Regionale».

Si tratta ancora, insomma, ma si va avanti. Con la Sodexo, la multinazionale che dal 2004, complici otto proroghe, gestisce al preparazione e la distribuzione dei pasti nella Assl di Sassari, che comunque dovrà lasciare il passo alla Elior a cui l’azienda unica ha assegnato il servizio in attesa della gara di appalto. Passaggio che però è tutt’altro che indolore, con l’ultimo tentativo di mediazione tra le parti, in un incontro lunedì tra Elior, Sodexo-Sesel e sindacati, che si è concluso con un «verbale di mancato accordo», a cui è seguita la richiesta dei sindacati di concedere ancora una settimana di tempo per le trattative.

Vari gli oggetti del contendere, riguardati in primo luogo la tutela dei lavoratori uscenti, con la Elior che non intende “assorbire” cinque dei dieci lavoratori della Sesel, che si occupavano dei trasporti dei pasti e che, secondo i subentranti, non sono coperti dalle clausole di salvaguardia (e per i quali di prospetterebbe il licenziamento in tronco). Prevista poi la riduzione di orario per alcuni dei lavoratori Sodexo, che annuncia che presenterà un piano di esuberi. Molte le perplessità anche sulla scelta del trasferimento da Sassari a Porto Torres del “centro cottura” dei pasti, con i locali dell’ex Taglierini che non vengono considerati adeguati al servizio. Rimane poi la contrarietà generale dei sindacati per un passaggio di consegne che viene giudicato «paradossale». «Il servizio costerà di più – attacca Arnaldo Boeddu, della Filt Cgil – e dei lavoratori rimarranno a casa. Basterebbe una proroga a Sodexo in attesa che il

Cat regionale si decida a concludere le procedure di gara per l’assegnazione dell’appalto, ferma da oltre un anno». Posizione che l’Ats ha da tempo rimandato al mittente. I sette giorni in più serviranno solo a “limare” il cambio in cucina, che comunque non è assolutamente in discussione.


fonte: https://www.lanuovasardegna.it/sassari/cronaca/2019/03/13/news/ospedali-cambio-in-cucina-rinviato-di-una-settimana-1.17784611

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X