Nuove colonne dei gas medicali per il Santissima Annunziata

Partiti nei giorni scorsi i lavori di adeguamento in attesa della realizzazione del nuovo ospedale

Nuove colonne dei gas medicali per il Santissima Annunziata

Di:
Antonio Caria

Sono iniziati nei giorni scorsi i lavori di ammodernamento delle colonne dei gas medicali del Santissima Annunziata di Sassari. Le opere, appaltate alla Item Oxygen per un importo di circa 40mila euro, consentiranno il potenziamento e l’adeguamento delle reti gas esistenti che alimentano la Rianimazione e le sale operatorie dell’ospedale di viale Italia.

I lavori rientrano nel programma di adeguamento del Santissima Annunziata, in attesa della costruzione del nuovo ospedale. Gli interventi alla rete dei gas medicali renderà necessario prevedere, prima di tutto, una serie di allacci che dovranno essere realizzati nell’area della scala di sicurezza situata nel cortile interno, che guarda la zona delle camere mortuarie.

Il piano della Rianimazione sarà realizzata un’area filtro che, dal reparto, consentirà di raggiungere la scala di sicurezza e gli allacci delle nuove colonne di gas medicali.

Per consentire questi lavori, il reparto di Rianimazione ridurrà temporaneamente il numero di posti letto di due unità, passando da 15 a 13 per circa un mese. Una situazione che tornerà alla normalità una volta concluse le opere.

Sempre in questi giorni, la ruspa con il lungo braccio meccanico e la pinza idraulica è entrata ufficialmente in funzione. Gli operai della Salc hanno , infatti, iniziato a lavorare sull’ala sud dell’edificio. Mentre la pinza “morde” la struttura da abbattere, un idrante con un getto continuo d’acqua bagna le zone interessate dalle operazioni così da ridurre le emissioni delle polveri.

Per garantire la sicurezza, la ditta appaltatrice ha ottenuto dal Comune l’autorizzazione a transennare il marciapiede di viale San Pietro e prospiciente l’area di manovra della ruspa. 

All’interno del presidio ospedaliero l’ufficio tecnico dell’Aou di Sassari ha realizzato anche una serie di percorsi di sicurezza per i pedoni (operatori, sanitari e utenza) che, per necessità, si devono muovere nel cortile per raggiungere le varie strutture: ospedale, ambulatori e laboratori del Palazzo rosa quindi camera mortuaria. I pedoni dovranno attenersi agli avvisi e alle prescrizioni predisposte dal coordinatore della sicurezza, e transitare esclusivamente nei percorsi appositamente dedicati e segnalati.

Inoltre è operativo anche il cantiere per la costruzione della nuova centrale dei gas medicali. Resta sempre vietato il transito pedonale nel tratto compreso tra l’ingresso di viale San Pietro e la zona delle camere mortuarie.


fonte: Sardegna Live