SORSO. Semaforo verde per una nuova proroga dei contratti per gli ex Lsu licenziati dalla Romangia Servizi. La decisione, arrivata da Cagliari nelle ultime ore, consentirà ai lavoratori di continuare il percorso di reinserimento – avviato nelle scorse settimane – fino al 31 dicembre. Poi gli occhi degli operai saranno tutti puntati agli stanziamenti della prossima Finanziaria regionale.

I lavoratori, che facevano parte dell’azienda partecipata al cento per cento dal Comune di Sorso, erano stati prima stabilizzati per poi essere licenziati. A quel punto era cominciata una battaglia per il reinserimento al lavoro. La soluzione era arrivata con un emendamento alla legge Finanziaria regionale – sottoscritto dal vicepresidente del consiglio regionale, Antonello Peru (Fi), e dal consigliere Gavino Manca (Pd) – per l’inserimento di 500mila euro per avviare alcuni cantieri ad hoc. La prima tranche di finanziamento, circa 169mila euro, era arrivata nelle scorse settimane, quando la Regione ha dato il via libera al progetto del Comune, che ha esternalizzato il cantiere affidando i lavoratori alla coop Sceas, che gestisce l’appalto dell’igiene urbana.

Nell’ultimo periodo gli operai si sono occupati principalmente di due aspetti: la prevenzione degli incendi e quella della diffusione delle discariche abusive. Gli ex Lsu si sono occupati anche della pulizia manuale dei rifiuti nella fascia costiera, compreso lo svuotamento dei cestini dislocati nelle aree pubbliche. Sempre in tema di rifiuti, i progetti prevedono interventi nelle isole ecologiche sparse nelle campagne e le strade vicinali, entrambe prese spesso di mira dai raid degli incivili. Alcuni operai sono stati destinati al diserbo stradale nelle aree del territorio che non competono direttamente alla coop Sceas perché non comprese nell’appalto di igiene urbana.

Siccome la prima trance di finanziamenti sarebbe andata a esaurimento a metà ottobre, da Cagliari è arrivato il via libera alla seconda tranche, circa 120mila euro che dilateranno i tempi del cantiere fino a fine anno. Un passaggio politico cruciale per il forzista sorsense, soprattutto dopo il ben servito dato agli operai da parte della società controllata dal Comune di Sorso, dove Peru non solo vive ma è parte integrante della maggioranza in consiglio comunale. «I dipendenti (17 operai che rientrano nell’esercito dei lavoratori socialmente utili) – spiega l’esponente politico – sono stati inseriti in un elenco dal quale la Regione attinge per finanziare vari progetti. I lavoratori – aggiunge – potranno quindi continuare

nel loro percorso occupazionale nei prossimi mesi, in progetti e cantieri comunali nei settori dell’ambiente, del verde pubblico e delle manutenzioni». Resta da capire se e come verranno impiegati i 200mila euro rimanenti fino ai 500mila indicati nell’emendamento alla Finanziaria.

fonte: La Nuova Sardegna