Lui, olbiese, 63 anni, pensionato, lei 51 anni, di Sassari. Nel 2011 hanno una storia d’amore che, secondo la Procura di Tempio, nel giro di pochi mesi si è trasformata in una truffa.

Questa mattina la presunta vittima del raggiro, Pasqualino Deiana, ha raccontato al giudice Andrea Pastori la sua storia con Antonietta Pinna.

La donna è accusata di essersi fatta consegnare circa 200mila euro dal pensionato, facendogli credere, stando alla ricostruzione del pm Gianmarco Vargiu, di essere in difficoltà economiche.

I soldi, sempre secondo la Procura di Tempio, sarebbero stati utilizzati per il canone di locazione della casa occupata dalla donna, per le spese mediche (anche il dentista) del figlio e per l’acquisto di una utilitaria.

Dalle indagini emerge che la presunta vittima, una volta dato fondo ai suoi risparmi, avrebbe anche chiesto un mutuo per poter far fronte alle richieste della conmpagna.

La promessa della restituzione del denaro, secondo il pubblico ministero, non ha avuto alcun riscontro.

Andrea Busia

fonte: L’Unione Sarda