CHIARAMONTI. Finanziamenti regionali in arrivo per riqualificare i centri storici di Chiaramonti e Bulzi e per il recupero dei fabbricati privati. I due comuni anglonesi, con centri storici dall’alto pregio urbanistico, nel 2015 avevano partecipato con progetti al bando sulla tutela e la valorizzazione dei centri storici della Sardegna, ottenendo lo stesso punteggio. Dunque solo uno dei due Comuni sarebbe potuto essere meritorio di finanziamento attraverso la formula del sorteggio.

Un emendamento del consigliere regionale e sindaco di Chiaramonti, Alessandro Unali, presentato nel mese di novembre 2018 in fase di assestamento del bilancio regionale, ha permesso il reperimento di ulteriori risorse per 240.569 euro necessarie a evitare il sistema del sorteggio con esclusione di uno dei Comuni. Questo ha permesso a Chiaramonti e Bulzi di ottenere i finanziamenti richiesti che ammontano, rispettivamente, a 410mila euro per Chiaramonti e 287.759 per Bulzi, cifre che dovranno essere spese nelle riqualificazioni.

Alessandro Unali parla di un risultato ottenuto grazie al coordinamento delle amministrazioni dei due paesi coinvolti, della maggioranza del consiglio regionale e dell’assessorato agli Enti locali che ha trovato una soluzione equa alla situazione di stallo venutasi a creare durante l’elaborazione della graduatoria e che rischiava di tenere fuori uno dei due Comuni.

«È prevalso il buon senso e lo spirito di collaborazione tra i due comuni dell’Anglona _ afferma Unali _. Dobbiamo valorizzare i nostri centri storici e prepararci per accogliere i flussi del turismo rurale. Stiamo mettendo le basi per creare unione tra le nostre

comunità, soprattutto in previsione del grande progetto turistico culturale che, assieme a Bulzi e agli altri centri limitrofi, ci vedrà uniti. Si tratta del progetto “Il cammino della foresta pietrificata dell’Anglona” a cui stiamo lavorando e speriamo di poter presentare a breve».

fonte: La Nuova Sardegna