SASSARI. Il colore viaggerà sugli automezzi della raccolta dei rifiuti con le opere che ieri, per tutta la giornata, artisti arrivati da ogni angolo dell’isola hanno realizzato en plein air in una piazza d’Italia ricca di avvenimenti e proposte. Una festa, la seconda edizione di gARTbage, evento di live painting cominciato con il Cassonetto d’artista che, lo scorso anno, aveva visto usati come tele i rugginosi e anonimi contenitori della differenziata dell’ecocentro di via Ariosto. E siccome l’iniziativa era stata di successo, l’amministrazione comunale, con l’assessorato all’Ambiente e la società di gestione del servizio di raccolta Ambiente Italia, ha voluto riproporla su spazzatrici e compattatori, per spogliarli dell’immagine di “brutti e sporchi” .

Otto gli automezzi e trentadue tra pittori, muralisti, writers, che hanno partecipato alla giornata, in un una gara che si concluderà con la premiazione delle migliori realizzazioni il 14 ottobre prossimo, in occasione di PromoAutunno alla Promocamera.Sotto un sole cocente e armati di decine e decine di bombolette spray, barattoli di vernice, pennelli e scotch, forniti dal Comune, crew e singoli protagonisti della manifestazione di arte estemporanea hanno dato dimostrazione della loro sensibilità sul tema e, a partire dalle nove del mattino, le bianche fiancate dei mezzi di raccolta hanno lentamente cambiato aspetto, regalando emozioni e ricevendo i complimenti dei tantissimi spettatori che hanno affollato la piazza. Tra i collettivi in concorso il Leogroup guidato da Gianuario Leoni con i senegalesi Godspower, Sulley e Ousman e il gambiano Tony, ospiti di un centro di accoglienza a Sassari e vincitori lo scorso anno del gARTbage–Cassonetto d’artista all’Ecocentro. Mani esperte e passione da parte dei giovani extracomunitari. Dice Ousman: «Ho sempre coltivato la pittura e posso dare sfogo alla mia sensibilità d’artista perché credo nel decoro urbano».Da Olbia è arrivato Roberto Mazzullo, in arte Mozok, street artist, scultore e restauratore. Verso mezzogiorno sta già dando forma su un compattatore a un enorme tonno e lui spiega di essere molto attento ai temi ambientali, e di soffrire quando, essendo appassionato pescatore, «vedo tanta, troppa plastica nel nostro mare». In gara anche i sassaresi Asem&Dekae Caterpillar Royale, i collettivi di San Gavino Monreale dell’associazione culturale Skizzo, Union Power di Ittiri, Wabisabi Handmade di Senorbì, WB Crew di Torralba, e Federico Cozzucoli, Simone Deiana, Stefano Marongiu (Hadmar), Andrea Pes, Emanuele Piras, Maristella Portas e Fabiana Sebis.

Soddisfatti il sindaco Nicola Sanna e l’assessore all’Ambiente Fabio Pinna per questa nuova prova d’artista legata ai temi ambientali. Dice Pinna: «Credo in questo binomio che abbiamo sempre cercato di promuovere». E il primo cittadino: «È un modo per rendere più “compatibili” gli automezzi con il ruolo che svolgono».Da oggi le opere realizzate vengono sottoposte al voto popolare sulla pagina facebook Facebook/progettogartbage, attraverso cui gli iscritti al social network potranno esprimere la loro preferenza e decretare i vincitori dei tre premi in denaro in palio. Verrà inoltre assegnato il premio speciale Banco di Sardegna

al lavoro ritenuto più originale e creativo da una giuria di esperti nominati dal Comune. Intanto la giornata di ieri in piazza d’Italia, tra sport, mercatino dell’antiquariato e il rombante motoraduno Dgr é andata in archivio come una valida alternativa alle uscite fuori porta.

fonte: La Nuova Sardegna