SEDINI. Approfittando della schiarita e della bella mattinata di sole dopo le piogge dei giorni scorsi stava facendo delle pulizie nel giardino della sua casa in via Azuni, nella zona alta del paese, ed ha pensato di bruciare le stoppie ed il fogliame accumulatisi in questi giorni a causa del forte vento. Bianca Maria Carta, una signora di 70 anni di Sedini, per ha però utilizzato imprudentemente una bottiglietta di alcol per attizzare il fuoco, visto che il fogliame era ancora umido e difficilmente avrebbe preso potuto accendersi. Un’operazione che per sua stessa ammissione aveva fatto altre volte e sempre con successo. Questa volta però probabilmente a causa di una errata valutazione dell’anziana signora, la fiammata causata dall’alcol ha fatto ritorno verso il contenitore che è praticamente esploso nelle sue mani e la signora in un attimo si è ritrovata avvolta dalle fiamme.

Dopo un iniziale spavento la donna si è prontamente liberata della tuta in pile che indossava che però essendo altamente infiammabile aveva già causato forti ustioni agli arti inferiori. Una volta liberatasi degli indumenti la donna è corsa in casa ed ha chiesto aiuto al marito che non si era però accorto di quanto era accaduto. Si è fatta una doccia cospargendo poi le parti ustionate con un unguento, che in effetti ha rallentato l’azione delle ustioni. Alcuni vicini di casa però resisi conto quasi per caso dell’incidente, hanno accertato la gravità delle ustioni ed hanno chiesto l’intervento dei sanitari del 118. Sono stati proprio i sanitari, una volta verificata la gravità e l’urgenza della situazione a chiedere l’intervento dell’elisoccorso e così dopo pochi minuti l’elicottero è atterrato nel campo sportivo del paese ed ha trasportato la signora nel centro grandi ustioni del Santissima Annunziata.

La donna ha riportato in effetti delle gravi ustioni di terzo grado in diverse parti delle gambe e di secondo grado nelle braccia e nella mani. Una brutta avventura insomma che la signora, una donna attivissima e sempre indaffarata, non avrebbe mai potuto immaginare di vivere anche perché non era la prima volta che utilizzava l’alcool per queste piccole operazioni di pulizia del suo giardino.

L’atterraggio dell’elicottero nel campo sportivo del paese (l’episodio si è verificato intorno a mezzogiorno) e il suo rendez-vous con l’ambulanza ha destato preoccupazione in paese e in molti sono accorsi nell’impianto sportivo che sorge in periferia per capire cosa stesse accadendo.

fonte: La Nuova Sardegna