+ 13°C
logo ViviSassari

Botte nella casa ereditata fratelli assolti dal giudice

Home / Notizie

Botte nella casa ereditata fratelli assolti dal giudice

Date: May 19, 2019
Author: La Nuova Sardegna 25 Nessun commento

PATTADA. Un’abitazione in coeredità a Pattada. Un fratello e due sorelle che a un certo punto non riescono a mettersi d’accordo sulle spese da affrontare per la necessaria ristrutturazione dell’immobile. E in un attimo si passa dallo scontro verbale a quello fisico. I tre fratelli si picchiano anche davanti ai carabinieri che erano stati chiamati da una delle sorelle, poi si denunciano a vicenda e finiscono davanti al giudice di pace. Due giorni fa la sentenza: tutti assolti. Almeno di fronte al giudice, quindi, la vicenda si è risolta bene. Ora si tratterà di attenuare le inevitabili tensioni familiari che questa storia ha certamente causato.

Tutto accade il 9 dicembre del 2014. Fratello e sorelle hanno ereditato una casa in paese dove devono essere effettuati dei lavori. Il fratello ritiene di aver sborsato la parte più consistente e quando ne parla con le due sorelle volano parole pesanti. Lui reagisce dando uno schiaffo a una delle due e l’altra chiama immediatamente i carabinieri della stazione del paese. Quando arrivano, i militari si ritrovano in mezzo a una lite furibonda con le due donne che aggrediscono il fratello. La cosa non finisce lì. La sorella che si era beccata lo schiaffo presenta una denuncia per percosse contro il fratello che a sua volta denuncia le due donne per lesioni personali (l’uomo era stato visitato da un medico che gli aveva assegnato nove giorni di cure) e minacce.

I tre si ritrovano davanti al giudice di pace e a distanza di cinque anni dai fatti vengono tutti assolti. L’avvocato Sabina Useli, che difendeva l’uomo, ha chiesto una sentenza di non luogo a procedere per il suo assistito per intempestività della querela, perché la parte offesa l’aveva depositata oltre i novanta giorni previsti dalla legge. Richiesta accolta dal giudice.

Mentre le due sorelle, difese dall’avvocato

Gianpaolo Campus, sono state assolte per legittima difesa. Il giudice ha cioè ritenuto che l’aver aggredito il fratello è stato un modo per proteggersi e per evitare che lui, dopo aver dato lo schiaffo a una delle due, potesse continuare a picchiarle.

©RIPRODUZIONE RISERVATA


fonte: https://www.lanuovasardegna.it/sassari/cronaca/2019/03/16/news/botte-nella-casa-ereditata-fratelli-assolti-dal-giudice-1.17786145

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X