Comunicato stampa del 7 novembre 2018

 

PORTO TORRES: AVVIATI I LAVORI DI EFFICIENTAMENTO DELLE RETI IDRICHE

Quasi tre chilometri di nuove condotte in diverse strade

In corso anche il programma di ingegnerizzazione delle reti

 

Quasi tre chilometri di nuove condotte e centinaia di allacci alle utenze: a Porto Torres prendono il via i lavori di efficientamento delle reti idriche che riguarderanno diverse strade. In questi giorni sono iniziate le attività di accantieramento e avvio degli scavi per riammodernare le infrastrutture del servizio idrico. L’intervento rientra in un maxi appalto da due milioni e mezzo di euro finanziato con i fondi Cipe 27/2015 destinati a opere strategiche nel settore idrico-potabile.

I cantieri. Nel dettaglio a Porto Torres si procederà alla completa riqualificazione della rete idrica di distribuzione eliminando le vecchie tubature in polietilene e acciaio. Saranno integralmente sostituite da nuove condotte in ghisa sferoidale, materiale che garantisce la migliore tenuta. Per oggi sono programmati già i primi collegamenti delle opere già realizzate nelle vie Pacinotti e Galvani. Nella prima strada sono interessati due tratti da via Piemonte a via Kennedy e da via Kennedy sino a via Antonelli. Anche via Kennedy è interessata ai lavori di rifacimento delle condotte assieme alle vie Nervi, Pacinotti, Bernini, Piemonte e traversa via Lombardia.

Nuove condotte. Complessivamente la sostituzione integrale delle reti idriche riguarderà quasi 3 chilometri di condotte. Si procederà alla completa riqualificazione della rete primaria di distribuzione idrica costituita da vecchie tubature ormai usurate e interessate da frequenti e rovinose rotture e ingenti perdite idriche tanto da richiedere numerosi interventi di riparazione da parte delle squadre di Abbanoa. Le nuove infrastrutture saranno tutte georeferenziate per una migliore gestione e una precisa individuazione una volta reinterrate.

Reti intelligenti. Il Comune di Porto Torres è inserito anche nei primi trenta Comuni della Sardegna dove è stato avviato il programma di ingegnerizzazione delle reti idriche. Si tratta di un modello innovativo basato sull’azione combinata di misure di campo, studi specialistici sull’assetto di rete, regolazioni e progressivi interventi strutturali sugli asset. Lungo gli oltre 64 chilometri di condotte al servizio della città saranno installate apparecchiature all’avanguardia per gestire portate e pressioni. Come già sperimentato ad Oliena, la gestione informatizzata dalla rete consentirà di riscontrare le criticità del sistema idrico e affrontarle con interventi mirati. Il processo di ingegnerizzazione si svolge a partire da un’indagine sulla rete ammalorata con installazione di misuratori portatili per l’esecuzione di prove idrauliche diurne e notturne e con ispezioni mirate per la localizzazione delle perdite. A tale fase segue la diagnosi, ovvero la definizione delle criticità e delle cause di malfunzionamento della rete, con successivi rilasci di prescrizioni sempre più evolute e dettagliate per le soluzioni tecniche ottimali da adottare, tra le svariate combinazioni possibili, al fine di efficientare la rete dal punto di vista idraulico, energetico e gestionale. Gli interventi gestionali e strutturali si inseriscono in questo processo sempre continuativamente e progressivamente.

link: Abbanoa