in

Stelle di David dipinte su abitazioni e negozi a Parigi

Una sessantina di stelle di David sono state dipinte nella notte tra ieri e oggi sulle facciate di diverse abitazioni e banche del quattordicesimo arrondissement di Parigi: è quanto riferito dalla procura di Parigi a Bfmtv, precisando di aver aperto un’inchiesta per danneggiamento di beni privati, con l’aggravante di discriminazioni legate all’origine, alla razza, all’etnia o alla religione. Le stelle di David sono state scoperte, tra l’altro, in rue du Père-Corentin, rue de la Tombe-Issoire e all’incrocio della rue Saint-Yves. Atti “ignobili e intollerabili” che suscitano “vergogna e disgusto”, protesta la giunta comunale parigina.

Emmanuel Grégoire, braccio destro della sindaca, Anne Hidalgo, ha annunciato l’intenzione di sporgere denuncia mentre i servizi del comune saranno inviati sul posto per cancellare i segni antisemiti. Già nei giorni scorsi, diverse stelle di David erano state rinvenute sulle facciate di diversi edifici e negozi di persone di confessione ebraica nei comuni di Saint-Ouen, Saint-Denis e Aubervilliers, nell’immediato hinterland parigino. Inchieste sono in corso per individuare gli autori. Ieri, il sindaco di Saint-Ouen, Karim Bouamrane, ha espresso “sostegno totale alla famiglia vittima di questi atti antisemiti e razzisti”, dopo il ritrovamento di quattro stelle di David davanti ad una abitazione del comune da lui amministrato. Intervistata questa mattina da Bfmtv, un donna la cui abitazione è stata imbrattata dai tag della vergogna ha espresso la propria indignazione, celandosi dietro all’anonimato per paura di rappresaglie. “Non è un caso. E’ voluto. Ci designano: ‘Ci sono degli ebrei qui, potete attaccare”, ha detto, aggiungendo che la polizia le avrebbe chiesto di “chiudere gli scuri delle finestre, di togliere i nomi, di fare attenzione e di chiamare al minimo timore”. Fatti simili sono stati segnalati anche nei vicini comuni di Aubervilliers e Saint-Denis.

Il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, ha riferito ieri che sono 819 gli atti antisemiti registrati in Francia dal giorno dell’attacco di Hamas contro Israele, il 7 ottobre. “Dispieghiamo di mezzi molto importanti per proteggere i francesi di confessione ebraica”, ha assicurato Darmanin ai microfoni di Bfmtv-Rmc. Il ministro ha inoltre evocato ”414 fermi di polizia e gendarmeria per persone che compivano atti antisemiti”. 
 

La Ue condanna i gesti antisemiti, incompatibili con i nostri valori

“La Commissione europea si oppone fermamente a tutti gli atti di antisemitismo, sono incompatibili con i valori dell’Ue e i principi fondamentali su cui l’Ue è fondata”. Lo ha detto un portavoce dell’esecutivo comunitario, interpellato sull’ondata di gesti antisemiti in aumento in Europa. Il portavoce ha ricordato le dichiarazioni fatte dalla presidente Ursula von der Leyen nei giorni scorsi. “E’ nostra responsabilità comune garantire che il nostro passato più oscuro non ritorni e dobbiamo proteggere la vita delle comunità ebraiche in Europa”, ha spiegato, sottolineando che Bruxelles “è in stretto contatto con gli Stati membri e le comunità ebraiche di tutta Europa, in particolare per quanto riguarda problemi e incidenti legati alla sicurezza”. L’Ue, ha aggiunto il portavoce, lavora con i governi “per garantire questa sicurezza, anche attraverso finanziamenti” comuni “per la protezione degli spazi pubblici e dei luoghi di culto”.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Leggi l’articolo su: Ansa.it

Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Gimbe, Sardegna in ritardo su case e ospedali di comunità

Opposizione attacca Conoci&C«Altro che Ligabue, città ferma»