in

‘Droga nell’auto per incastrare l’amante’, indagati 2 avvocati

Si è tenuta oggi – ed è stata rinviata al 25 settembre – l’udienza preliminare del processo in cui sono imputati due avvocati di Bari, Gaetano Filograno e Nicola Loprieno (quest’ultimo consigliere comunale eletto con la lista Decaro sindaco) e l’ex militare della Guardia di Finanza Enzo Cipolla. I due legali sono accusati di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti: per i pm Claudio Pinto e Savina Toscani hanno fatto in modo che il compagno della ex moglie di Filograno, un imprenditore della provincia di Bari, venisse trovato in possesso di droga. Nel 2014 l’imprenditore fu fermato per un controllo dalla Guardia di Finanza – il capopattuglia che eseguì la perquisizione fu Cipolla – e nella sua auto furono trovate alcune dosi di cocaina. Finito davanti ai giudici con l’accusa di spaccio, nel 2017 fu assolto con formula piena.

    L’imprenditore, che pochi giorni prima del controllo aveva denunciato Filograno per stalking, dopo l’assoluzione presentò nei suoi confronti una seconda denuncia per calunnia. Loprieno è stato coinvolto nella vicenda da un testimone, mentre dalle indagini non è emerso chi abbia messo materialmente la droga nella vettura. Cipolla invece è accusato di tentata corruzione in atti giudiziari per aver chiesto all’imprenditore, nel 2016, 15mila euro per fornire un elenco di domande che l’avvocato avrebbe potuto fargli nel processo – in quella vicenda il militare fu ascoltato come testimone – in modo da smontare l’accusa di spaccio. Nell’udienza di oggi, tenutasi davanti alla gup Antonella Cafagna, la richiesta di patteggiamento di Cipolla non è stata accettata, Filograno ha invece chiesto di essere giudicato con rito abbreviato.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Leggi l’articolo su: Ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Logos”, arriva a Santa Maria Coghinas il progetto di Mario Milano

Regionali ’24: la ricetta di Milia,’prendere esempio da civiche’