in

Voci d’Europa: Prosegue il Festival, attesa per il Tölzer Knabenchor

Voci d'Europa: Prosegue il Festival, attesa per il Tölzer Knabenchor

Voci d’Europa: Prosegue il Festival, attesa per il Tölzer Knabenchor

Il gruppo di voci bianche è tra i più celebri cori maschili al mondo. In programma anche le esibizioni dell’ensemble strumentale Orientis Partibus

Voci d’Europa: Prosegue il Festival, attesa per il Tölzer Knabenchor

Altre serate di grande musica nel cartellone del 40° Festival internazionale Voci d’Europa iniziato lo scorso 2 settembre. La Basilica di San Gavino a Porto Torres ospiterà venerdì 8 e sabato 9 il coro tedesco di voci bianche Tölzer Knabenchor, uno dei
 gruppi polifonici maschili più famosi e di
 successo, con più di 150 
concerti e opere all’anno. In programma anche le esibizioni del gruppo strumentale di musica medievale Orientis Partibus di Assisi, nato dal fortunato incontro fra alcuni musicisti umbri già esecutori attivi ed apprezzati nel panorama musicale classico italiano. Nella chiesa romanica più grande della Sardegna si esibirà, inoltre, il coro Hic et Nunc di Cagliari. L’ensemble Orientis Partibus e il coro Hic et Nunc saranno poi protagonisti il 10 settembre nell’Abbazia di San Pietro di Sorres, a Borutta.

advertisement

Questa sera sarà il Parco Littu di Santa Maria Coghinas, alle 20.00, a fare da cornice alle melodie del Festival. Due gruppi maschili celebreranno la tradizione corale sarda: il coro Amici del canto sardo di Sassari e il coro Voches ‘e Ammentos di Galtellì. Venerdì 8 alle 21.00 il Tölzer Knabenchor diretto da Marco Barbon porterà sull’altare della Basilica, a Porto Torres, il proprio tratto distintivo: la ricerca del suono originale. Il coro, infatti, è uno dei pochi gruppi vocali al mondo in grado di curare la musica sacra del Barocco e del Classicismo in una forma sonora adatta a quei tempi. In occasione di Voci d’Europa la formazione proporrà un repertorio di brani di Mendelssohn Bartholdy, Mozart e Orff. Subito dopo l’Orientis Partibus, ensemble di musica medievale e rinascimentale di Assisi, eseguirà con il Coro Polifonico Turritano l’allestimento di parte del meraviglioso repertorio giunto dal Monastero benedettino di Santa Maria de Montserrat. Sabato 9, sempre alle 21.00, aprirà la serata il coro Hic et Nunc di Cagliari diretto da Tobia Tuveri con un repertorio dal Rinascimento al Romanticismo. A seguire il Tölzer Knabenchor rappresenterà la sua anima più popolare con il trittico Europäische VolksliederDeutsche Volkslieder e Alpenländisches Volkslieder, mentre l’ensemble Orientis Partibus proporrà un repertorio strumentale fatto di ballate, madrigali e danze dell’Ars Nova Italiana. Domenica 10 un altro splendido monumento del Nord Sardegna, l’Abbazia di San Pietro di Sorres a Borutta, accoglierà alcuni dei cori di Voci d’Europa: in mattinata si svolgerà un seminario tenuto dal Maestro Vladimiro Vagnetti, mentre dalle 12.00 si esibiranno Orientis Partibus e Hic et Nunc.

Il Festival è organizzato dall’Associazione Coro Polifonico Turritano sotto la Direzione Artistica del Maestro Laura Lambroni. Tutte le informazioni sul Festival sono sul sito web www.vocideuropa.it e sui profili social Facebook e Instagram (@festivalvocideuropa). Il 40° Festival internazionale di musiche polifoniche Voci d’Europa è inserito nella rete Salude & Trigu della Camera di Commercio di Sassari e ha il supporto della Regione Sardegna e della Fondazione di Sardegna. Sono partner istituzionali i comuni di Porto Torres, Sassari, Sorso, Santa Maria Coghinas, Borutta e Monteleone Rocca Doria. La manifestazione si svolge grazie alla collaborazione di Arcidiocesi di Sassari, Tenuta Li Lioni, Marmo.it, Delcomar e Grimaldi Lines. Sostengono l’evento anche diverse attività commerciali locali.

Leggi l’articolo su: Sardegna Reporter

Sardegna Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Ossi, via libera alla sistemazione del cineteatro “Casablanca”

Aria Performing Art Festival: biodiversità e migrazioni con gli spettacoli GAIA/MATER e Icemura Concerto