in

Maltrattamenti nella casa di riposo di Sorso, chiesto il dissequestro

La revocare della sospensione per 12 mesi dall’attività professionale per Maria Franca Lupino e il dissequestro della casa di riposo “Noli me tollere” di Sorso, dove, secondo un’inchiesta della Procura di Sassari, si sarebbero verificati maltrattamenti sistematici nei confronti degli anziani ospiti.

È la richiesta depositata oggi al Tribunale di Sassari dagli avvocati difensori di Lupino, i legali Gianmario Fois e Sergio Porcu.

L’amministratrice della casa di riposo Lupino è indagata, in concorso con una dipendente della struttura, per abbandono di incapace, in seguito alla morte per soffocamento da cibo di una delle ospiti. In tutto sono dieci le persone sotto accusa a vario titolo per maltrattamenti e esercizio abusivo della professione.

Accuse formulate dal pm Ermanno Cattaneo dopo un’indagine dei carabinieri del Nas che aveva portato il gip Sergio De Luca al sequestro della casa di riposo, lo scorso 19 agosto, e all’allontanamento dalla struttura della stessa Lupino e dell’operatrice socio-sanitaria Emanuela Gaspa, accusata dei maltrattamenti. 

(Unioneonline)

© Riproduzione riservata

Leggi l’articolo su: L’Unione Sarda

L'Unione Sarda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Sassari, nuova viabilità per il Centro intermodale, la Giunta comunale approva il progetto di fattibilità tecnico economica

Porto Torres, 13enne aggredita al parco: «Dammi il cellulare o ti ammazzo»