in ,

Don Marco Pozza a Villanova Monteleone

VILLANOVA MONTELEONE – Don Marco Pozza “il prete amico del Papa” protagonista a Villanova Monteleone il 6 settembre 2023 della Rassegna: “Fede e Società”. Sarà Don Marco Pozza, cappellano presso il carcere di massima sicurezza “Due Palazzi” di Padova, il protagonista della Rassegna “Fede e Società” inserita nel Festival: La Cultura oltre i confini il 6 settembre 2023 alle ore 19,30 a Villanova Monteleone. Don Marco è sacerdote e scrittore, è il parroco di un carcere difficile come è quello di Padova. La sua passione, scrive, è quella di provare a contaminare mondi tra loro, in apparenza, ben differenti: a volte riuscendoci, a volte meno.

Come nella primavera del 2020 quando, assieme alla comunità del suo carcere, ha ideato e scritto i testi della famosa Via Crucis 2020 celebrata in una Piazza san Pietro deserta a causa della

pandemia. È stato autore e conduttore di programmi televisivi di approfondimento culturale e religioso: Padre Nostro (Tv2000, 2017), Ave Maria (Tv2000, 2018), Io credo (Tv2000, 2020), Dei vizi e delle virtù (Discovery Channel, 2021) che hanno avuto la partecipazione

fissa di Papa Francesco. Per Rai1 conduce dei cicli di puntate de Le ragioni della speranza, la rubrica settimanale del programma A Sua immagine. Ricordiamo l’intervista insieme a Lorena Bianchetti a Papa Francesco il 27 maggio negli studi della Rai, la prima volta di un Pontefice in uno studio televisivo, nell’ambito di questo programma stesso. L’ appuntamento organizzato dall’Associazione Culturale Interrios con il patrociniodell’Amministrazione Comunale e dell’Unione dei Comuni del Villanova e con la collaborazione dell’Associazione Misericordia, si terrà nel Salone della Confraternita di Misericordia Piazza Delogu-Ibba N. 7 a Villanova Monteleone.

Leggi l’articolo su: Alguer.it

Alguer.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

L’8 e 9 settembre a Berchidda Insulae Lab celebra con due concerti il suo Cabidànni

Ha confessato l’assassino della tabaccaia di Foggia