in

Coldiretti Nord Sardegna, Antonello Fois è il nuovo presidente

Coldiretti Nord Sardegna ha un nuovo presidente: si tratta di Antonello Fois, presidente dell’Apos Sardegna, l’organizzazione dei produttori olivicoli che fa riferimento a Coldiretti Sardegna, che subentra a Battista Cualbu.

Il titolare dell’azienda Accademia Olearia di Alghero è stato eletto all’unanimità dall’assemblea che si è riunita nella sede della Promocamera a Sassari e che ha scelto anche il prossimo Consiglio che affiancherà il neo eletto presidente per i prossimi cinque anni. 

«Ringrazio l’assemblea per la fiducia e sarà mia cura, con il sostegno e la collaborazione di tutti, raggiungere i risultati che ci daremo insieme per il bene dell’associazione,  tutto quello che faremo non porterà a risultati costruiti da un singolo ma da parte di tutta l’associazione e i suoi iscritti – ha dichiarato Antonello Fois -. Un ringraziamento va al presidente Battista Cualbu per la fiducia che ha riposto in me e per quanto ha fatto in tutti questi anni per l’organizzazione e il territorio. Seguirò il bel percorso tracciato da lui e dal Consiglio cercando di dare ulteriori risposte a tutte la base sociale».

Il nuovo Consiglio rinnovato sarà composto da Battista Cualbu (Sassari); Giacomo Curis (Bulzi); Giovanni Francesco De Candia (Oschiri); Luca Fele (Calangianus); Leonardo Fressura (Bono); Martino Malu (Aglientu); Alessandro Mancini (Olbia); Leonardo Muzzu (Arzachena); Giuseppe Nieddu (Alà dei Sardi); Matteo Orritos (Bultei); Tommaso Pulina (Osilo) e Giuseppe Santoru (Thiesi). Del Consiglio fanno parte anche il delegato giovani, Pietro Satta, il presidente dei Pensionati, Giovanni Lubino e Maria Grazia Murrocu, responsabile Donne Impresa. 

© Riproduzione riservata

Leggi l’articolo su: L’Unione Sarda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

«Nobento rischio disastro sociale»E il caso arriva in Parlamento

La crisi alla Nobento di Alghero approda in Consiglio regionale