in

Sassari, ucciso a bastonate e bruciato: attesa per l’interrogatorio del presunto killer

Sarà fissata oggi la data dell’interrogatorio di convalida di Antonio Luigi Fiori, il 48enne fermato per l’omicidio di Nicola Pasquarelli, 80 anni, ucciso a bastonate e il cui corpo, scoperto sabato mattina, è stato bruciato con la benzina in un boschetto in via Piandanna a Sassari.

Fiori si trova in carcere con le accuse di omicidio volontario, occultamento di cadavere e furto.

Sabato notte in Questura davanti agli investigatori della squadra mobile e alla pm Lara Senatore ha scelto di rispondere alle domande, nonostante gli avvocati che lo rappresentano, Elisabetta Udassi e Roberto Disi, gli avessero consigliato di rimanere in silenzio. Il 48enne ha respinto le accuse, ma forse nella sua ricostruzione dei fatti si sarebbe contraddetto, tanto che è scattato il fermo per omicidio. Adesso bisognerà capire se anche davanti al Gip il fermato deciderà di parlare e fornire la sua versione dei fatti.

Sempre oggi la pm affiderà l’incarico per gli accertamenti necroscopici sui resti del corpo di Nicola Pasquarelli.

Il cadavere è rimasto nel boschetto in via Piandanna almeno due settimane ed è stato danneggiato dal fuoco, quandi l’autopsia non sarà semplice.

Intanto gli investigatori della squadra mobile continuano a lavorare per ricostruire completamente la vicenda. Il delitto sarebbe avvenuto dopo una lite tra il 48enne e l’anziano, nata per gelosia.

Al centro della discussione il rapporto con una giovane donna, forse la stessa persona che ha poi lanciato l’allarme dicendo dove si trovava il corpo dell’80enne. 

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

Leggi l’articolo su: L’Unione Sarda

L'Unione Sarda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Temporali e forte vento sull´Isola: allerta meteo

Anziano ucciso a bastonate e bruciato, attesa per interrogatorio