in

Rissa in spiaggia a Olbia, ai domiciliari il trapper Elia17Baby

Lo ha deciso il nuovo giudice di Tempio Pausania

Uscirà dal carcere dove è detenuto da oltre nove mesi per andare agli arresti domiciliari: Elia Di Genova, in arte Elia17Baby, il trapper romano di 26 anni accusato di essere l’artefice, la notte del 14 agosto del 2022, di un’aggressione nei confronti di un 35enne di Sassari, Fabio Piu, sulla spiaggia di Marinella, nella costa di Olbia, tornerà nella sua casa a Roma.

Lo ha deciso il nuovo giudice per le indagini preliminari di Tempio Pausania, Claudio Cozzella, nominato dopo che la Corte d’appello di Sassari ha accolto la richiesta di ricusazione del precendete gip avanzata dagli avvocati difensori dell’imputato, Pietro e Gian Maria Nicotera, per un pregiudizio nei confronti del trapper.

Per il giudice Cozzella, Elia Di Genova in carcere ha mantenuto un comportamento corretto, compatibile con la nuova misura di custodia attenuata. “La decisione è da noi accolta con molta soddisfazione perché dimostra che il giudice intende, non in maniera sommaria, stabilire l’esatto accadimento dei fatti, senza nulla togliere alla gravità dell’episodio, e all’effettiva responsabilità del Di Genova che si è sempre dichiarato innocente”, commentano gli avvocati della difesa.

A causa dell’aggressione subita e della pugnalata alla schiena, con lesioni alla spina dorsale, Fabio Piu – rappresentato dall’avvocato Jacopo Merlini – si trova ancora su una sedia a rotelle, impossibilitato a camminare autonomamente. Si torna in aula il 13 giugno prossimo, nello stesso giorno potrebbe essere emessa anche la sentenza. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Leggi l’articolo su: Ansa.it

Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Collegio unico per la Sardegna alle Europee, ok dall’Aula

Si rivolge alla maga per amore, 53enne vittima di estorsione