in

Sassari «Quando ho rubato quella statua in chiesa non ero lucido, speravo di ricavarci qualche soldo è vero, ma non credo che avrei trovato il coraggio di venderla. La mattina seguente l’avrei riportata a Cappuccini e chiesto scusa a Padre Isidoro». Sembra veramente pentito il sassarese di 44 anni che domenica scorsa si è introdotto in chiesa e dopo aver danneggiato una statua di San Fra…

Leggi l’articolo su: La Nuova Sardegna

La Nuova Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Ozieri: Farian Sabahi presenta “Noi Donne di Teheran”

Sorso, al via le installazioni dei nuovi contatori della rete elettrica