in

Grillo: amica di Silvia in aula conferma stupro

L’avvocata, “c’è riscontro su autenticità della denuncia”

“La deposizione della teste di oggi ci dà un riscontro dell’autenticità su quanto dichiarato dalla mia assistita”. Così al telefono con l’ANSA Giulia Bongiorno, l’avvocata che tutela Silvia, la ragazza italo-norvegese presunta vittima di una violenza sessuale di gruppo contestata a Ciro Grillo e altri suoi tre amici genovesi.
    L’avvocata non era presente oggi in Tribunale a Tempio ma ha voluto comunque commentare il racconto di una delle migliori amiche di Silvia, che aveva raccolto le sue confidenze dopo i fatti della notte tra il 16 e il 17 luglio 2019, a Porto Cervo, contestati ai quattro imputati. La deposizione di Adelaide Malinverno, amica d’infanzia di Silvia con la quale ha mantenuto un rapporto confidenziale molto stretto, è tuttora in corso. All’inizio la teste ha detto di ricordare poco, poi però, quando il procuratore Gregorio Capasso le ha rinfrescato la memoria rileggendo in aula il verbale con le dichiarazioni rese ai carabinieri della compagna di Milano Duomo, ha confermato le confidenze ricevute Stando al suo racconto, Silvia l’avrebbe chiamata la notte stessa delle presunte violenze dicendo di averle subite mentre si trovava in uno stato di incapacità totale, offuscata dall’abuso di alcol. Davanti ai giudici, la teste avrebbe inoltre confermato di aver visto le foto dei lividi sul corpo di Silvia, immagini mandate a lei dalla stessa italo-norvegese tramite Snapchat ma non agli atti del processo perché il social dopo un po’ le cancella automaticamente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Leggi l’articolo su: Ansa.it

Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Stralcio atti da Bergamo a Roma, indagati Speranza, Grillo e Lorenzin

Tumori al colon, convegno a Porto Torres: screening per 800 residenti