in

Calangianus, via libera alla messa in sicurezza degli spogliatoi del “Signora Chiara”

Importante decisione della Giunta Comunale di Calangianus che ha approvato il progetto definitivo-esecutivo per l’adeguamento funzionale e la messa in sicurezza dei vecchi spogliatoi del “Signora Chiara”, per un importo di 200mila euro.A breve partirà la gara d’appalto per l’esecuzione dei lavori.”Grazie a questo importante intervento di riqualificazione – ha dichiarato il sindaco, Fabio Albieri – il Settore Giovanile dell’Fbc Calangianus potrà contare su uno spazio funzionale ed adeguato alle nuove esigenze. Un altro impegno mantenuto verso una realtà dinamica che merita da parte dell’Amministrazione Comunale la massima attenzione”.Intanto l’amministrazione Albieri porta a casa un altro risultato: Dopo quattro anni il gruppo nazionale del sughero ha concluso il lavoro e ieri il tavolo di filiera delle foreste, presso il Ministero, ha approvato il Piano Sughericolo Nazionale.”Un altro importante risultato che ci eravamo prefissati, fin dall’inizio del nostro mandato amministrativo, frutto di una nostra proposta avanzata durante un convegno sul sughero nel 2018 a Calangianus – ha aggiunto il primo cittadino -. La Regione, da noi sollecitati, insieme ad Anci Sardegna, chiese al Ministero dell’Agricoltura l’istituzione di un gruppo di lavoro sul sughero finalizzato a redigere un Piano Nazionale.Ora l’ultimo passaggio per l’approvazione definitiva del Piano in Conferenza Stato-Regioni.”Abbiamo sollecitato il Presidente della Regione Solinas affinché venga portato al più presto e insieme al delegato alle Attività Produttive del Comune di Calangianus Giuseppe Mariano seguiremo l’evolversi della vicenda”, ha concluso Albieri. Antonio Caria © Riproduzione riservata

leggi articolo su: l’Unione Sarda

What do you think?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Hero

Written by L'Unione Sarda

Content AuthorYears Of Membership

A Semestene non c’è linea: da anni i 129 abitanti non possono telefonare

Giave, proseguono i lavori di ristrutturazione del Centro sociale