Invasione di giovani, locale chiuso per 5 giorni

0
24

Blitz della polizia in piazza Santa Caterina durante la festa universitaria. Il gestore: sommersi dalla folla
SASSARI. È costata cara al gestore di un locale di piazza Santa Caterina la pacifica invasione di centinaia di studenti universitari, tra cui tantissimi Erasmus, in occasione della serata di festa organizzata venerdì sera per dare il benvenuto in città alle “matricole”.In tantissimi hanno risposto all’invito girato tra i social per la serata denominata “Matricole e Meteore” organizzata dal locale “Birrajo” in collaborazione con l’associazione studentesca “Uniss Nova”. La presenza di tanti giovani in piazza non è però sfuggita alle forze dell’ordine che hanno deciso di verificare che fosse tutto in regola. Il blitz degli agenti della squadra di polizia amministrativa della questura, insieme ai colleghi della Volante e del reparto prevenzione crimine, ha consentito di accertare che il locale non stava rispettando la normativa covid. Per questo motivo è stata disposta la chiusura della birroteca, che ospita anche una biblioteca di quartiere, per cinque giorni lavorativi. Nel corso del servizio gli agenti hanno sensibilizzato i gestori di diversi locali del centro sul divieto di vendita di alcolici dopo l’orario consentito a soggetti palesemente ubriachi. «Ovviamente l’intenzione non era quella di creare una piazza di quel genere – spiega il gestore di BirrAjo Leonardo Carriero – probabilmente anche i ragazzi universitari hanno assaporato l’ebrezza per un ritorno alla normalità, alla socializzazione, alla presenza. Essere investiti dalla folla è un’esperienza quasi catatonica – aggiunge – perché è quasi come se tu entrassi a far parte di un corpo unico, agisci come automa. La regia è appunto della folla. Ovviamente avrei dovuto avere il sangue freddo di chiudere le imposte del locale nel vedere la piazza inondata da persone – conclude il gestore del locale – non ho avuto questa lucidità, ma ripeto, in certi momenti non è semplice prendere decisioni e capire esattamente come gestire il tutto». (l.f.)

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome