F@mu, famiglie al museo tra archeologia e divertimento

0
2

PERFUGAS. Ritornano a Perfugas le giornate del Famu. Anche per l’anno in corso, Sa Rundine e il Map (Museo Archeologico e Paleobotanico) aderiscono, infatti, alla “Giornata Nazionale delle Famiglie…
PERFUGAS. Ritornano a Perfugas le giornate del Famu. Anche per l’anno in corso, Sa Rundine e il Map (Museo Archeologico e Paleobotanico) aderiscono, infatti, alla “Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo F@MU 2021”. In realtà, le giornate saranno due: domani e domenica. «Chi parteciperà – promettono le operatrici della società Sa Rundine – vivrà un weekend all’insegna della letteratura archeologica per ragazzi e dell’archeologia sperimentale con attività dedicate alle famiglie e agli amici di tutte le età; e sarà inoltre un’occasione per conoscere e scoprire alcune realtà produttive del territorio».Le proposte sono diverse e tutte mirano a replicare il successo delle sei precedenti edizioni, grazie al coinvolgimento di diversi soggetti e associazioni: il Comune, innanzitutto, la sede operativa della Sabap di Perfugas, l’archeologo Nicola Dessì, Bimbo in Spalla, artigiani, hobbisti e produttori, e, l’associazione culturale “Sicut erat” che collabora con il laboratorio “Ripam” dell’Uniss.Domani Nicola Dessì presenterà il suo libro “La Preistoria della Sardegna, dal Paleolitico all’età del Rame”. La mattina, l’autore incontrerà gli alunni della scuola media di Perfugas; il pomeriggio dialogherà con le famiglie insieme a Bimbo in Spalla, il travel blog di mamma Giuseppina. Sa Rundine proporrà alcune dimostrazioni di laboratori didattico-educativi. Domenica, a partire dalle 16, insieme all’associazione “Sicut erat” e al laboratorio “Ripam” verrà proposto un viaggio nel passato alla scoperta delle attività che impegnarono l’uomo della preistoria. L’evento vedrà la partecipazione di una serie di artigiani e produttori locali che presenteranno manufatti e prodotti enogastronomici. Info Sa Rundine: 079564241, 3497777103 o info@sarundine.com. Prenotazione obbligatoria. (g.p.)

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome