Due giorni a tutto padel tra sport e inclusione

0
0

Domani e domenica 220 atleti di ogni età giocheranno nei campi di via Milano 26 Per la prima volta in gara 8 squadre miste di portatori di handicap e normodotatidi Luca Fiori

09 Ottobre 2021

SASSARI. Saranno 220 le racchette amatoriali di padel che domani e dopodomani si incroceranno sui campi colorati del “Cupra Padel Club” in via Milano 26, per un weekend all’insegna dello sport più in voga del momento, del divertimento e dell’inclusione. Oltre ai 120 uomini, le 60 donne e i 24 giovanissimi (dai 6 ai 14 anni), la novità assoluta per la Sardegna sarà infatti un’esibizione di “misto adattato”, una competizione che vedrà in campo coppie composte da atleti paralimpici in carrozzina accanto a giocatori normodotati.Uno sport per tutti. La prima edizione del torneo “Città di Sassari”, organizzata dalla neonata associazione sassarese “A tutto Padel”, è stata concepita proprio con l’intento di lanciare un segnale a trecentosessanta gradi: il padel è uno sport per tutti, un gioco divertente che ha la capacità speciale di creare aggregazione. Dalle 9 del mattino di domani fino a domenica notte il circolo di via Milano (gestito da Manuel Vanuzzo e Ugo D’Alessandro) verrà preso d’assalto dagli atleti in gara (il più giovane ha 6 anni, il più anziano 71) e dai tantissimi appassionati di uno sport inventato in Messico nel 1969 e che in Italia ha conosciuto un’espansione tra il 2014 e il 2020, quando i campi da gioco sono passati da 50 a 1600. L’organizzazione, curata nei dettagli da Francesca Sau, Giuseppe Cardin e Igino Coni, ha previsto che la giornata di domani sarà interamente dedicata agli incontri dei gironi preliminari. Le prime tre squadre classificate di ogni girone si qualificheranno per i tabelloni a eliminazione diretta che domenica decreteranno i vincitori delle varie categorie. Alla manifestazione, che ha come sponsor principale la Birra Ichnusa affiancata da diverse aziende locali, parteciperà anche la Polisportiva Sandalyon Sassari, del presidente Angelo Vitiello, nata con l’intento di propagandare l’attività sportiva di tutti i cittadini e in particolare tra le persone con disabilità. Ospite d’eccezione. Tra gli atleti che parteciperanno all’esibizione “misto adattato” spicca la presenza di Marianna Lauro, la tennista di Ploaghe di 41 anni che ha partecipato a tre edizioni dei Giochi paralimpici. Tante le attività di contorno messe a punto per la due giorni dall’associazione “A tutto Padel” creata da Marco Bottegoni, Antonello Marongiu, Domenico Sau, Giuseppe Chessa e Simone Agus. Divertimento ed emozioni sono assicurati. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome