Cagliari: domani al Teatro Massimo Spaziomusica presenta il progetto “pianoLab sharing”

0
0

Un interessante progetto caratterizzerà domani (domenica 10 ottobre) al Teatro Massimo la giornata del Festival Spaziomusica, la rassegna dedicata alla musica di ricerca e di improvvisazione, acustica ed elettronica e alle sue immediate derivazioni, che quest’anno celebra le sue prime quaranta primavere con una speciale dedica al suo fondatore, il Maestro Franco Oppo.Alle 17.30 (in Sala M2) si terrà la seconda edizione del progetto pianoLAB sharing (nato in seno al Conservatorio di Musica di Sassari): forte del successo e dei favorevolissimi riscontri ottenuti a livello nazionale (di particolare rilievo l’inserimento nella rassegna Pianocity Milano 2019), la performance propone un’antologia che agli obiettivi artistici coniuga un progetto didattico, volto ad avvicinare fin dai primi anni di studio i giovani pianisti al lavoro con l’elettronica. L’antologia si è arricchita anche dei lavori dei colleghi delle classi di Composizione e di Musica Elettronica che aderiscono al progetto, e naturalmente di tutti i docenti compositori che hanno dato il loro prezioso contributo proponendo opere da presentare in prima esecuzione. Saranno sul palcoscenico i musicisti Laura Murineddu, Nicola Vandenbroele, Agostino Giannotti, Cristiana Mastrantonio, Federico Raspa, Luigi Curreli, Walter Cianciusi, Andrea Ivaldi, Daniela Gonzalez e Gian Carlo Grandi.Annullata, invece, la performance del Duo Dubois, inizialmente annunciata alle ore 21. La data verrà recuperata entro il 2021. Chi avesse acquistato il biglietto per l’evento attraverso la piattaforma Vivaticket, sarà rimborsato automaticamente, mentre chi lo avesse acquistato presso la biglietteria del Teatro Massimo, potrà ivi recarsi per ottenere rimborso.Ancora due giorni di concerti arricchiranno il denso ottobre del festival Spaziomusica nel palcoscenico, questa volta, dello Spazio OSC/Domosc (in via Newton 12, a Cagliari): venerdì 15 alle 21 a tenere banco sarà il concerto del duo lussemburghese composto da Joan Martí-Frasquier (sassofono baritono) e Albena Petrovic Vratchanska (pianoforte). Il giorno dopo (sabato 16) chiuderà gli appuntamenti del mese il duo spagnolo composto da Miriam Valero e Drian Hernández con la performance intitolata “Un Proyecto De Ensemble D’arts.Il festival si inserisce nelle più ampie attività di 10 nodi, la rete dei festival d’autunno a Cagliari, nata per lasciare tracce, edificare luoghi, per costruire l’occasione di un confronto sui nuovi linguaggi artistici, come spazio comune di ospitalità della scena internazionale, co-produzioni originali, contesto crocevia di sperimentazione.Spaziomusica è realizzato con il contributo del MiC (Direzione generale spettacolo dal vivo), Regione Autonoma della Sardegna, (Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport) e del Comune di Cagliari, (Assessorato alla Cultura, Pubblica Istruzione, Sport, Spettacolo e Politiche Giovanili) in collaborazione con il Conservatorio Statale di Musica Giovanni Pierluigi da Palestrina di Cagliari e dell’Università degli Studi di Cagliari.Il prezzo dei biglietti per i singoli appuntamenti della manifestazione è di due euro, ad eccezione del concerto di Marco Donnarumma che costa dieci euro. L’ingresso a tutti gli appuntamenti è condizionato all’esibizione del green pass. Per informazioni chiamare o scrivere al numero +39 333 5485648 o alla mail spaziomusica@gmail.com o recarsi presso la biglietteria Teatro Massimo. IL FESTIVAL – L’attività di Spaziomusica, festival attivo nella scena sarda da quattro decenni, intende continuare la sua esplorazione nel campo del sonoro contemporaneo. Esplorazione che a partire dal segno della musica scritta e dal suono di quella improvvisata si allarga fino al risonante ad include il paesaggio sonoro di oggi generando una visione fantastica del nostro abitare il mondo. Questa visione si mostra nelle nuove produzioni musicali, nei laboratori e nelle attività didattiche e viene tematizzata nei suoi convegni e seminari. Non mancano i riferimenti alle particolarità sonore della Sardegna legate sia alla lingua che al paesaggio naturale esplorate in progetti specifici. L’attività dell’anno 2021 prevede la realizzazione di produzioni originali che si propongono di esplorare il campo della musica d’avanguardia e le sue innumerevoli escursioni. Escursioni multimediali, ma anche escursioni che più profondamente sconfinano e interagiscano con altri linguaggi espressivi, come il movimento corporeo e la gestualità, la perizia solista, il mondo delle immagini. MISURE DI CONTENIMENTO – Nell’attuazione delle misure sanitarie per contrastare l’emergenza coronavirus, l’ingresso agli eventi del festival sarà consentito a una persona per volta, con l’obbligo di indossare la mascherina fino al raggiungimento del posto (quando sarà possibile toglierla) e il medesimo comportamento andrà adottato ogni qualvolta si abbandonerà il proprio posto a sedere. Sarà cura dell’organizzazione mettere a disposizione del pubblico il gel per sanificare le mani. Verrà assicurato il corretto distanziamento di un metro tra gli spettatori (sia frontalmente che lateralmente), a eccezione dei componenti dello stesso nucleo familiare o conviventi o per le persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale. Accesso vietato, invece, alle persone con una temperatura corporea superiore ai 37 gradi e mezzo.

leggi l’articolo su: Sassari Notizie

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome