“Panni sporchi per Martinengo” vince la quinta edizione del Premio nazionale letterario “Vermentino”

0
1

Il Premio nazionale letterario “Vermentino” 2021 nel suo quinto appuntamento, ha  un gusto diverso. Deciso, coinvolgente, interessante e quel che più conta, presente.Un Premio ideato e sostenuto dalla Camera di Commercio di Sassari insieme ai Comuni di Olbia e di Castelnuovo Magra, dedicato al Vermentino, che in Gallura si fregia, più che giustamente vista la qualità che riesce ad esprimere, del marchio DOCG. Che in questa edizione ha coinvolto ben 12 Case editrici di tutta Italia e 16 opere di narrativa edite.La giuria tecnica, presieduta dalla vicepresidente camerale Maria Amelia Lai, ha selezionato cinque opere letterarie tra le partecipanti. In questa nuova edizione 2021 il Premio letterario Vermentino è andato a “Panni sporchi per Martinengo” di Fabrizio Borgio, edito dai Fratelli Frilli. Un romanzo che ruota attorno alle indagini dell’investigatore Martinengo, ambientato nella Langhe, terra di vini e vitigni. Appassionante, ritmato e ricco di intrecci.Le quattro menzioni ex-aequo sono state per “Al centro del mondo” di Alessio Torino (Mondadori) “Un sogno in Borgogna” di Massimo Castellani (Edizioni Bertani&C), “Il Bacchino ubriaco e altre storie” di Gaetano Gaziano  (ExCogita Editore) “La bottiglia di Napoleone” di Marco Vozzolo (Book Road di Leone Editore).Il fulcro del Premio resta legato all’importanza del racconto capace di descrivere i paesaggi rurali, le specificità dei territori ma soprattutto le anime di un paese che dimostra nella qualità delle sue produzioni, una sempre crescente passione enologica. Come quella del Consorzio del Vermentino di Gallura, insieme all’enoteca ligure e ed ai produttori toscani per la promozione di un vitigno e di una filiera che rappresentano molto più di una semplice produzione. Testimoniano l’eccellenza delle produzioni dei nostri territori.Nel corso della mattinata del Premio, al museo archeologico di Olbia particolarmente interessanti le chiacchierate con gli autori e i protagonisti condotte dalla giornalista de “La Repubblica” Cristina Nadotti, (insieme al giornalista enogastronomo, Giovanni Fancello e dal sommelier Giorgio Demuru) affiancate dalla lettura di alcuni passi con Daniele Monachella in un percorso, già sperimentato con successo nel 2019, insieme agli allievi del Liceo “Gramsci” e dell’Istituto agrario “Amsicora” di Olbia. Letture arricchite dagli interventi musicali di Sara Beccu.Di particolare interesse la tavola rotonda, prologo del Premio, dal titolo “Vermentino: dal lavoro in vigna al Premio letterario” insieme al vicepresidente della Camera di Commercio di Sassari Maria Amelia Lai, al componente di giunta camerale, Benedetto Fois, all’assessore alla cultura del Comune di Olbia Sabrina Serra, al sindaco Daniele Montebello del Comune di Castelnuovo Magra, alla Presidente del Consorzio del Vermentino di Olbia Daniela Pinna ed al Vice Presidente nazionale dell’AIS – Associazione Italiana Sommelier – Roberto Bellini e al segretario generale dell’ente Pietro Esposito.Per un Premio che nasce da un’idea della Camera di Commercio di Sassari e che si proietta verso la sesta edizione, quella del 2022:” E’ un’occasione di più per promuovere e valorizzare le eccellenze del nostro territorio in Italia e nel mondo, quelle che siamo capaci di esprimere – così la vicepresidente dell’Ente camerale, Maria Amelia Lai- eccellenze come il Premio, un evento che anno dopo anno, si apprezza sempre di più. Un appuntamento atteso e di estremo interesse anche per le case editrici e questo non può che renderci orgogliosi e darci la spinta per lavorare già da oggi per la prossima edizione.”All’edizione 2021 del Premio letterario Vermentino hanno partecipato:“Nunc est bibendum – Le lupe di Augusto” di  Stefano Mariano Mazza – Gruppo editoriale Tabula Fati – Edizione Solfanelli; “Santo mangiare” di Patrizia Rossetti – Pietro Macchione Editore; “Storia d’Italia in 40 cantine” di Sergio Redaelli e Guido Montaldo – Pietro Macchione Editore; “Wineblogger? Wine not!” di Michele Nasoni – Edito in proprio; “Ballata per le nostre anime” di Mauro Garofalo – Mondadori; “Arba Magìc”  di Tommaso Sussarello e Paola Cordella tratto dal volume “ABBRACCIAMOilMONDO (AA.VV.) ” – Ludo edizioni; “Racconti di cucina” di Nello Rubattu – Ludo edizioni; “Il vino e le rose” di Claudia Conte – Armando Curcio Editore; “Il Lambrusco e la cultura del vino” Giovanni Santunione – Edizioni Il Fiorino; “E(t)nografie” di Emanuela Conversano tratto dal volume “Pantagruel (AA.VV.)” – La nave di Teseo; “Superiorità naturale” di Sandro Sangiorgi tratto dal volume “Pantagruel (AA.VV.)” – La nave di Teseo

leggi l’articolo su: Sassari Notizie

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome