Ad Alghero l’AOU organizza il convegno ” “Una (nona) giornata con il malato anziano”

0
2

«I nostri ospedali sono sempre più in una situazione di difficoltà, perché diventano ospedali per anziani». Lo ha detto il commissario straordinario dell’Aou di Sassari, Antonio Lorenzo Spano, intervenendo ieri in apertura dei lavori della prima giornata del convegno “Una (nona) giornata con il malato anziano”, che ha catalizzato al Catalunya di Alghero un gran numero di medici e infermieri per uno scambio di esperienze e informazioni, dopo quasi due anni di pandemia Covid. Il convegno che si concluderà oggi 2 ottobre, organizzato dalla Lungodegenza dell’Aou di Sassari, ha messo al centro dell’attenzione l’assistenza all’anziano in ambito ospedaliero, con un focus su particolari patologie che possono essere trattate all’interno e fuori dell’ospedale.Un quadro che fa capire quanto gli ospedali, e la sanità in generale, si trovino di fronte una situazione in cui a prevalere sono le patologie tipiche di una popolazione che ha sempre più un’età avanzata. Uno spaccato che è anche il riflesso della situazione italiana. La nostra è una società sempre più vecchia in cui, su 59milioni di abitanti, almeno la metà è costituita da persone che hanno superato i 50 anni e che iniziano ad aver bisogno di cure territoriali e ospedaliere in misura più frequente. Una società che nel futuro è destinata a essere composta in prevalenza da una popolazione senile che avrà bisogno di sempre maggiori cure. I dati dell’Istat sulle nascite, inoltre, non sono confortanti: dal 2008 al 2020, in Italia si è registrato un tasso di fertilità in netto calo, passato dal 1,45 del 2008 a 1,24 del 2020, con un calo delle nascite di circa il 30 per cento in 12 anni. L’età media, poi, si è assestata sui 46 anni mentre la speranza di vita sugli 82 anni.È stato ancora il commissario dell’Aou di Sassari ha portare altri dati che illustrano ulteriormente la situazione. «È emblematico che l’età media dei pazienti presenti nei reparti internistici, nell’arco di un paio d’anni, è passata dai 78 agli 82. Si tratta di pazienti con comorbilità, pazienti che assumono in media 6 farmaci e che alla dimissione hanno necessità di un care giver che li assista. È chiaro che in assenza di strutture per post-acuzie, le Lungodegenze sono diventate una valvola di sfogo per queste situazioni, dando delle risposte che, per loro missione, non fanno parte del loro Dna».«Si pensi – ha aggiunto ancora – che in quest’ultimo periodo Covid abbiamo avuto al pronto soccorso anche punte di 170 accessi, con l’80 per cento dei pazienti internistici. Una situazione che crea sovraffollamento nei reparti, anche in considerazione della presenza dei reparti Covid che hanno sottratto risorse umane da altri reparti ospedalieri. Si aggiunga che lo stesso Covid ha acuito le problematiche sanitarie di questa parte fragile della nostra comunità. Quali potrebbero essere le strategie vincenti? Quelle di una integrazione con il territorio».Il commissario quindi ha sottolineato che la nuova riforma sanitaria dovrà dare risposte concrete con la rivisitazione della rete ospedaliera e territoriale, con una maggiore strutturazione dei percorsi diagnostico terapeutici, con il ripensamento dell’efficacia di alcuni trattamenti e l’uso appropriato dei farmaci.Ad avviare i lavori ieri è stato il direttore della Lungodegenza del Santissima Annunziata, Antonio Uneddu, che ha ricordato come «di recente si sono aggravate le problematiche sanitarie della popolazione anziana fragile, anche a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia alle risorse, con un maggior impegno verso tutte le patologie Covid correlate».Medici e infermieri hanno seguito sessioni loro dedicate, per ritrovarsi poi assieme, in una sessione congiunta, nella giornata conclusiva di questa mattina che ha messo l’accento sulla depressione e sullo stress del paziente, del medico e dell’infermiere e ha dedicato una tavola rotonda sulle piaghe da decubito.Da segnalare la partecipazione, al tavolo dei relatori, del dottor Francesco Marongiu  che ha fatto una lettura magistrale sulle trombosi venose cerebrali, quindi di uno dei maestri italiani della Gastroenterologia, Vincenzo Savarino. Quindi del presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Sassari e del presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Sassari.

leggi l’articolo su: Sassari Notizie

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome