Operatori dirottati, ma le falle restano

0
0

Gli organici sono al lumicino: reparti e servizi in agonia rischiano la chiusura
SASSARI. È un balletto di trasferimenti di personale tra Alghero e Ozieri quello che denunciano i sindacati della Funzione pubblica: spostati da un reparto per coprire i buchi di organico in un altro, ma come gli aerei di Mussolini, il numero di sanitari resta invariato e le falle chiuse da una parte si aprono da un’altra. «La Medicina di Alghero – spiegano – è stata privata dei dirigenti medici per compensare la carenza altrettanto grave della Medicina di Ozieri e del reparto Covid: sono rimasti solo quattro medici per 40 posti letto». Da Alghero anche ginecologi sono partiti per Ozieri, dove «l’unico specialista non è certo in grado di soddisfare le urgenze ospedaliere. La Chirurgia per seguire il reparto, il pronto soccorso e la sala operatoria, dispone di soli tre chirurghi in turno e il primario in reperibilità, che dovrebbero garantire, cosa impossibile, la rotazione sui turni h 24», affermano Cgil, Cisl e Uil.Non sta meglio Ozieri, dove la Medicina «con soli cinque dirigenti medici in pianta stabile, è costretta, per non chiudere, a reclutare uno dei pochi medici presenti sul territorio, che garantiva le visite ambulatoriali e domiciliari». Al Servizio di Nefrologia e Dialisi, sono rimasti due nefrologi: rischia di essere drasticamente ridotto per mancanza del personale medico, e sono in procinto di chiudere i Cal di Thiesi prima e di Bono dopo, per carenza di infermieri. La Pediatria, poi, può contare solo su due specialisti. L’Odontoiatria, unico servizio pubblico per il territorio, chiude per mancanza di personale medico e infermieristico. Al Centro Trasfusionale mancano due biologi, un genetista e due tecnici e la nuovissima struttura di Terapia sub intensiva, allestita anche con le offerte dei cittadini, è in attesa dell’accreditamento. Infine cinque medici, tre di Medicina e due di Radiologia, andranno all’Aou di Sassari e mancano 12 infermieri, 14 Oss e 2 tecnici della riabilitazione.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome