Musica dal vivo in cerca di normalità

0
1

Il festival organizzato dai ragazzi del paese era nato online nel 2020
CHEREMULE. Musica e cultura e un cortometraggio girato dai bambini cheremulesi per rilanciare la piccola realtà isolana. «Vogliamo dare un segnale di ripartenza- spiegano gli organizzatori, dato che locali e ristoranti sono stati tra i più colpiti per ovvie ragioni dalle restrizioni». È stato un successo la prima edizione del Festival Musicheremule. Nel paesino di circa 400 abitanti la voglia di ritornare alla normalità si fa sentire soprattutto tra i giovani. Nei giorni scorsi un gruppo di ragazzi ha pensato di replicare un evento che già lo scorso anno aveva riscosso un discreto successo sul web. Questa volta, però, tutto si è svolto dal vivo nel cortile di un bar e con la speciale partecipazione dei bambini che per un giorno hanno rivestito i panni di piccoli registi. L’idea nasce nel 2020 durante la pandemia. «Avevamo programmato degli eventi pubblici, spiegano i giovani, ma la pandemia ci ha costretti a stare in casa, perciò abbiamo dato vita ad un Festival musicale online sui nostri social al quale hanno aderito più di venti artisti provenienti da tutta Italia». Il primo risultato virtuale ha entusiasmato i ragazzi che si sono messi all’opera per riproporre l’evento all’aperto, nel bar Sputnik 784, dove tra l’entusiasmo di grandi e piccini, hanno preso parte alla serata: il maestro di violino Silvio Quarantotto, Emiliano Deiana che, con l’intervento del giornalista Pier Luigi Piredda, ha presentato il suo libro dal titolo “La morte si nasconde negli orologi” e il duo sassarese composto da Marco Rizzi e Giuseppe Gadau. A fine sera la proiezione del breve film giallo realizzato dai bambini dal titolo “I crimini nascosti”.Daniela Deriu

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome