Campetto dell’Oleandro immerso nel degrado

0
3

Dallo spazio dedicato allo sport all’interno del quartiere è scomparsa persino la rete di protezione
PORTO TORRES. Nel campetto polivalente del quartiere Oleandro regna da qualche anno il degrado a causa della mancata manutenzione dell’unica area giochi dove possano divertirsi bambini e ragazzi. La rete di protezione è infatti completamente assente e i bambini per poter giocare sono stati costretti ad inventarsi una porta (le due originali sono assenti) con un pezzo di rete legato alla bene meglio su due pali. Eppure basterebbe poco per riqualificare quello spazio ludico creato anni fa in quello che veniva considerato un quartiere residenziale. E che attualmente, secondo il racconto di numerosi residenti, meriterebbe un intervento radicale in considerazione dello scarso decoro presente su strade e vie interne. Le auto che transitano vicino al campo, in via Pietro Antonio Manca, sono a rischio pallonate, mentre sull’altro versante i palloni possono finire sulla carreggiata di via dell’Industria. Il tutto per la mancanza della rete alta a protezione della sfera, quando i giovani stanno giocando, che potrebbe finire dappertutto creando problemi alla viabilità. Anche il marciapiede che circonda l’intero perimetro del campetto non si trova in condizioni ottimali, anzi per dirla tutta è in dissesto e con il contorno invaso da erbacce. Il campo era considerato il fiore all’occhiello del quartiere dopo la sua costruzione, perchè permetteva alla gioventù turritana di poter giocare in sicurezza poco lontano da casa. Oggi appare invece abbandonato al suo lento declino e, cosa ancora più triste, tra il disinteresse generale. Per i giovani è l’unica parte dell’Oleandro dove c’è uno spazio grande per poter giocare, in attesa che qualcuno si prenda a cuore il problema della struttura e provveda a riqualificarla. (g.m.)

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome