In consiglio comunale oggi si discute di bonifiche industriali

0
0

PORTO TORRES. La tutela delle imprese locali e dei lavoratori nel sistema delle gare di appalto all’interno dell’area industriale è uno dei temi più importanti nel consiglio comunale in programma…
PORTO TORRES. La tutela delle imprese locali e dei lavoratori nel sistema delle gare di appalto all’interno dell’area industriale è uno dei temi più importanti nel consiglio comunale in programma oggi alle 9. Dopo la pausa estiva, infatti, si preannuncia un autunno “caldo” per poter discutere delle opportunità di lavoro che sempre mancano e per i numeri della disoccupazione che invece continuano purtroppo a crescere nella città turritana.L’ex petrolchimico non è più l’Eldorado di una volta e i progetti di riconversione annunciati anni fa sono ancora fermi al palo. All’interno dell’area industriale della Marinella sono però previsti importanti interventi di bonifica dove, a quanto pare, non troverebbero spazio le ditte sarde. I consiglieri comunali di opposizione hanno allora presentato un ordine del giorno che ha per oggetto proprio il Progetto Nuraghe – ossia gli interventi di bonifica previsti nella “collina dei veleni” di Minciaredda – aggiungendo anche la richiesta dell’insediamento di una commissione di vigilanza sugli appalti. La minoranza, nello stesso ordine del giorno, chiede inoltre le risposte al documento approvato nei mesi scorsi, all’unanimità, che impegnava il sindaco ad approfondire le motivazioni che hanno portato al ridimensionamento degli impegni assunti nel protocollo d’intesa del 2011.Già lo scorso mese di gennaio il sindaco Massimo Mulas aveva inviato una lettera a Eni Rewind per avere notizie certe in merito allo stato dell’arte del Progetto Nuraghe. «La città attende da diversi anni l’esecuzione delle bonifiche – aveva scritto –, per ottenere poi nuove prospettive di sviluppo compatibili con la tutela del proprio ambiente e quindi sostenibili nel tempo». L’altro punto che esaminerà il consiglio è la modifica al regolamento delle occupazioni di suolo pubblico e disciplina delle installazioni di strutture precarie e amovibili annesse agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande o alle attività artigianali alimentari. (g.m.)

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome