“Regione lumaca: siamo alla quarta ondata e si cerca di porre rimedio alle prestazioni sanitarie perse con la prima”, è una battuta amara quella di Salvatore Sanna, presidente ACLI di Sassari e responsabile di ACLISalute.

0
3

“Regione lumaca: siamo alla quarta ondata e si cerca di porre rimedio alle prestazioni sanitarie perse con la prima”, è una battuta amara quella di Salvatore Sanna, presidente ACLI di Sassari e responsabile di ACLISalute.“la situazione delle prestazioni sanitarie ordinarie peggiorerà con la trasformazione dei reparti ospedalieri ordinari in reparti Covid da lasciare vuoti.”I tempi della regione sono un termometro dell’inefficienza con la quale si è operato:abbiamo dovuto aspettare oltre un anno e mezzo, dall’inizio della pandemia e con un sistema sanitario pubblico praticamente paralizzato, per poter avere un piano di recupero delle prestazioni ordinarie. È arrivata poi la delibera del commissario di ATS Massimo Temussi in applicazione della dgr N. 29/14 DEL 21.07.2021. Ci sono voluti ben cinque mesi poi per dare operatività a quanto deciso da Regione e ATS. Un tempo infinito, inaccettabile in una condizione di emergenza.“Già dal mese di Luglio 2020 ACLISalute – dichiara il presidente Salvatore Sanna – segnalava che servivano prestazioni aggiuntive nel campo della cura e della diagnosi, vista la chiusura di reparti ospedalieri e ambulatori pubblici e finalmente, dopo tanto attendere, si è arrivati al risultato. Il problema però è che la ben vedere a distribuzione delle risorse utilizza criteri assolutamente incomprensibili”.“La Regione e l’ATS di Massimo Temussi avrebbero potuto scegliere di distribuire le risorse su base territoriale tenendo conto della numerosità della popolazione oppure degli effetti del Covid, con territori che hanno visto un aumento della mortalità per patologie non covid più elevato di altri. Oppure si poteva scegliere di compensare, territorio per territorio, i servizi pubblici. Oppure ancora si poteva intervenire sulle liste d’attesa delle varie prestazioni.”Insieme ad ACLI Salute interviene anche l’associazione dei consumatori e delle famiglie ACLI Assoconfam di Luciano Turini: “Regione e ATS hanno scelto di distribuire le risorse aggiuntive sulla base delle strutture private e non dei bisogni dei cittadini. Risultato? Si allarga ancora di più la forbice tra le risorse disponibili per i cittadini dei diversi territori: a Cagliari il 60% delle risorse, quasi l’85% se si mette insieme la provincia di Cagliari e quella di Oristano. A Sassari, Olbia e Nuoro che mettono insieme quasi la metà della popolazione sarda poco più del 15%.Altro che riequilibrio delle risorse su cui si era impegnato a gennaio il presidente Solinas che o non sa quello che fanno i suoi collaboratori oppure prende impegni che non mantiene per il nord Sardegna.”“Pagheranno queste scelte gli anziani e i malati cronici che utilizzano la maggior parte delle prestazioni sanitarie e hanno bisogno di visite ed esami diagnostici rapidi – rincara la dose Sebastiano Sanna, segretario regionale della Federazione Anziani e Pensionati delle ACLI – che stanno pagando già ora la scelta di utilizzare in maniera abnorme i reparti ordinari per convertirli per il Covid tenendoli vuoti solo per nascondere i dati che c i portano inesorabilmente verso la zona gialla.”PIANO DI RECUPERO LISTE DI ATTESA COVID 19 – DGR N. 29/14 DEL 21.07.2021ASL 1ASL 2ASL 3ASL 4ASL 5ASL 6ASL 7ASL 8€377.864,42€‎111.442,28€‎467.874,64€‎93.644,89€‎588.778,60€‎358.166,03€‎339.882,61€‎3.563.442,576,4%1,9%7,9%1,6%10,0%6,1%5,8%60,4%        

leggi l’articolo su: Sardegna Reporter

#Sassari #sardegnareporter #vivisassari #News, Politica

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome