La storia di Bellieni raccontata dagli studenti

0
2

Premiati tre studenti del Liceo Azuni: il concorso bandito dal Psd’Az nel centenario della fondazione
SASSARI. “La figura e l’opera di Camillo Bellieni”. È il tema del concorso a premi bandito dalle sezioni di Sassari del Partito Sardo d’Azione nell’ambito delle manifestazioni per il centenario della sua fondazione e riservato agli allievi del Liceo Azuni. Nell’istituto sassarese, infatti, l’uomo politico nato a Thiesi, storico e teorico del sardismo, ideologo e fondatore del partito, aveva studiato nel primo decennio del Novecento. Agli studenti, coordinati dal docente referente Gian Piero Farena, gli organizzatori hanno chiesto di produrre degli elaborati originali ed inediti, mettendo a disposizione consistenti premi in denaro per le tre prove che sono state giudicate migliori da una commissione presieduta dal professor Luigi Gallucci, già dirigente scolastico del Liceo Azuni alcuni anni fa. Il primo premio di mille euro è stato assegnato all’elaborato dal titolo “S’Amantia”, scritto da Claudia Mangano, studentessa della classe 4^ C , che ha incentrato il suo lavoro su un dialogo fra Camillo Bellieni e Antonio Gramsci. Il secondo premio di seicento euro se lo è aggiudicato la studentessa Maria Nevina Sale, della classe 4^ B, con un elaborato dal titolo “Alla scoperta di Bellieni”, indicativo della volontà di valorizzare il profilo e l’attività di un grande sardo. Il terzo premio di 400 euro è stato invece attribuito allo studente Pierluigi Cocco, della classe 3^ D, autore di un elaborato dal titolo “Camillo Bellieni : il padre del sardismo”, che approfondisce il ruolo del politico sardista anche nella sua veste di strenuo oppositore del Fascismo. La premiazione del concorso è avvenuta nell’aula magna dell’Università di Sassari, nel corso di una cerimonia tenutasi per intitolare a Camillo Bellieni l’aula in cui si riunisce il senato accademico. La prima e la seconda classificata hanno ricevuto il premio rispettivamente dal presidente della Regione Christian Solinas e dal rettore dell’Università, Gavino Mariotti, mentre il terzo premio, essendo assente lo studente vincitore, è stato consegnato da Maria Luisa D’Alessandro, prefetta di Sassari, ad Antonio Deroma, dirigente scolastico del Liceo Azuni. Proprio nell’ateneo cittadino, tra l’altro, Bellieni aveva lavorato in biblioteca dopo le lauree in Giurisprudenza a Sassari e in Filosofia a Roma ed altre esperienze professionali nella penisola, trasferendosi poi a Napoli, dove morì a metà degli anni Settanta.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome