0
2

“Ci auguriamo che il filmato pubblicato da L’Espresso che mostra il boss di CosaNostra Leoluca Bagarella aggredire a freddo un poliziotto della struttura carceraria diSassari dove è rinchiuso in regime di 41bis, senza alcuna reazione dell’agente ma solosoccorso da colleghi per evitare il peggio, abbia la stessa diffusione a ritmo continuodei video delle aggressioni di detenuti da parte del personale della polizia penitenziariadi Santa Maria Capua Vetere”.Lo afferma il segretario generale del S.PP. (Sindacato Polizia Penitenziaria) Aldo Di Giacomo per il quale “già nel gennaio dello scorso anno, il Bagarella aveva aggredito con un morso un agente del Gom della polizia penitenziaria sempre nel carcere sassarese. Auspichiamo che la Procura della Repubblica di Sassari che ha acquisito il filmato svolga rapidamente le indagini e pervenga ad una conclusione con un provvedimento di punizione che merita e che sinora non si è registrato nei casi di ripetute aggressioni al personale penitenziario. La politica, legittimamente indignata per le immagini sui fatti di Santa Maria Capua Vetere che continuano ad essere diffusi, dovrebbe adesso manifestare la stessa indignazione e soprattutto rendersi conto delle condizioni di lavoro del personale penitenziario.La realtà è che le aggressioni a uomini e donne in divisa nelle carceri è un fenomeno molto diffuso e in costante aumento anche se – dice il segretario S.PP. – non fa notizia o al massimo ottiene qualche rigo sui giornali. Per noi che ribadiamo la condanna per quanto è accaduto nel carcere casertano, rinnovando la richiesta dell’accertamento severo di ogni responsabilità sull’operato di chi ha infangato la divisiva e l’onorabilità e correttezza di tutto il resto del personale penitenziario, la violenza di Bagarella va inquadrata nel clima di delegittimazione del personale che si sta manifestando con numerosi episodi in quasi tutti gli istituti penitenziari.È solo uno dei tanti episodi di “mattanza” contro il personale e al tempo stesso dell’assenza dello Stato che lascia gli uomini in divisa al proprio destino. È bene che i cittadini sirendano conto che nelle carceri non sono reclusi vittime o angeli, ci sono autori dicrimini efferati per i quali da tempo invece si chiede clemenza ed indulto. Altro chemedaglia e riconoscimento al collega che ha subito l’aggressione. In questo clima divicinanza alla popolazione carceraria al danno si aggiunge la beffa. Opinionisti,commentatori, politici dimostrano di avere la mente annebbiata e una grandeconfusione non distinguendo chi svolge il delicato servizio di controllo negli istitutipenitenziari da chi ha compiuto crimini orrendi, con pesanti condanne, e alimenta l’illegalità diffusa.Noi non ci stiamo a mettere sullo stesso piano i servitori dello Stato e i criminali che pretendono il controllo del carcere e sono un costante pericolo dell’ordine pubblico ela minaccia per la libera convivenza dei cittadini. Tra l’altro in questo modo sidimostra di non avere alcun rispetto per i familiari delle vittime di assassini, furti, attidi violenza che con un colpo di spugna si vorrebbe cancellare o quanto meno offuscaresino a rivendicare indulto ed amnistia”.

leggi l’articolo su: Sardegna Reporter

#Sassari #sardegnareporter #vivisassari #Cronaca, News

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome