Play Movie Abbaìda: cinema e musica

0
6

Torna all’ex numero 2 la rassegna di Nuovo Aguaplano e Ragazze Terribili
SASSARI. Seconda edizione per Play Movie Abbaìda, rassegna cinematografica dedicata al legame tra cinema e musica organizzata dall’associazione Nuovo Aguaplano e dalla Società cooperativa Le Ragazze Terribili. Tre serate, in programma oggi, domani e giovedì nel Cortile della scuola media 2, e tre pellicole: l’iconico The Blues Brothers, Fabrizio De Andrè & Pfm – Il Concerto Ritrovato e Fedele alla Linea – Giovanni Lindo Ferretti.Ogni film sarà preceduto dalla proiezione di un videoclip di musicisti locali presenti in platea accompagnati dai rispettivi registi: “Il concerto” di Bulla per la regia di Giovanni Saturno, “Liberi” dei Blackboard per la regia di Andrea Milia e “Desert” degli Shelf per la regia di Gabriele Peru. L’ingresso è gratuito, per info e prenotazioni è possibile chiamare lo 079278275.Play Movie Abbaìda nasce come spin-off di Abbabula, uno degli eventi più attesi dell’estate musicale isolana e nazionale, festival che da 22 anni porta sul palcoscenico di Sassari le migliori proposte in note della scena italiana e internazionale e che anche quest’anno torna in città dal 28 luglio al 3 agosto (piazza Moretti) con in cartellone ospiti del calibro di Samuele Bersani e la maliana Fatoumata Diawara, passando per la giovanissima Ariete e un ensemble di grandi jazzisti capitanati da Peppe Servillo protagonisti di un bellissimo omaggio a Domenico Modugno.Si parte con The Blues Brothers di John Landis, un cult. Uscito nelle sale nel 1980 ha stravolto gli schemi e cambiato le prospettive, trascinando il pubblico lungo lo scorrere della pellicola alla scoperta dei due fratelli “in missione per conto di Dio” Jake & Elwood, interpretati da John Belushi e Dan Aykroyd. De Andrè e Pfm è lo storico filmato del concerto di Fabrizio De André con la Pfm – Genova, 3 gennaio 1979 – recentemente ritrovato dopo essere stato custodito per oltre 40 anni da Piero Frattari, regista che partecipò alla realizzazione delle riprese. Con il supporto di Franz Di Cioccio, il nastro che si credeva perduto per sempre è stato invece rintracciato e poi restaurato. Quelle immagini sono diventate un docu-film diretto da Walter Veltroni.Fedele alla linea. Giovanni Lindo Ferretti, già leader dei CCCP e poi dei CSI vive oggi immerso nella campagna emiliana dove alleva cavalli e si dedica allo studio e alle letture religiose. Il suo percorso ha attraversato fasi opposte, approdando infine ad una pacificazione totale nel recupero delle tradizioni familiari e religiose che disorienta chi lo ha seguito nei tempi in cui il suo credo era la lotta contro tutto e tutti.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome