0
1

È terminato anche il secondo dei due “TIME TO CAMPUS”, i campus jazz estivi dedicati all’educazione musicale dei più piccoli, ideati da Paolo Fresu e sua moglie Sonia Peana che ne hanno curato la direzione artistica.Per due settimane (dal 5 al 9 e dal 12 al 16 luglio) a Berchidda, dove è nato Paolo Fresu e dove da 34 anni si tiene Time in Jazz, il Festival da lui ideato e dalla cui sezione per i più piccoli ha preso il via il progetto Time to Campus, si sono rincorse voci, strumenti, canti, risate di bambini. Le iscrizioni chiuse in anticipo e con una lunga lista di attesa, avevano già fatto presagire il successo, ma nessuno avrebbe immaginato di vedere nei bambini “Una incredibile voglia di stare assieme, di apprendere, di comprendere, di cantare, di suonare gli strumenti, e soprattutto di farlo insieme” come ha dichiarato un emozionato Paolo Fresu al TG1 (https://www.youtube.com/watch?v=8xd_cGh_4rc). La formula di Time to Campus, originale e innovativa, ha voluto valorizzare l’innato amore per la musica dei bambini, che sono stati coinvolti in numerosissime attività da artisti del calibro di Ambrogio Sparagna, Alien Dee e, naturalmente, Paolo Fresu e Sonia Peana, violinista e attiva nella didattica musicale per i bambini, per citarne solo alcuni. Non solo musica ai campus, ma yoga, attività manuali, teatro, attività sportive, disegno, lettura di fiabe, pittura, escursioni nel vicino Parco del Monte Limbara. Non a caso al termine dei campus alcuni bambini hanno chiesto che fossero prolungati, altri di poter iniziare a suonare uno strumento. Anche alcuni piccoli affetti da iperattività e autismo si sono integrati perfettamente.Ai genitori è stato sottoposto un questionario conclusivo e, alla domanda più significativa “Dalle informazioni riportate e dalla conoscenza del programma come valutate la coerenza dei contenuti rispetto agli obiettivi comunicati?” tutti hanno fornito risposte positive, confermando con il massimo del punteggio consentito.“Credo che il segreto vero di questa riuscita – ha detto Sonia Peana – è che è nato un nuovo, unico, autonomo progetto dedicato ai bambini, costruito grazie a personalità sensibili che ne hanno capito la sua essenza e importanza: sinergie vincenti da tenere gelosamente e non perdere. Ora ci rimane solo da crescere insieme e con i bambini”.I TIME TO CAMPUS sono stati realizzati con il sostegno del Dipartimento per le Politiche della Famiglia del Consiglio dei Ministri, con il sostegno di Arborea, Mereu Auto, Rau Arte Dolciaria e Sardinia Ferries.Ora gli sguardi sono rivolti all’attesissimo Time in Jazz, la cui 34esima edizione si tiene dal 7 al 16 agosto, e a Time to Children (9-15 agosto), la sua sezione dedicata all’educazione musicale dei bambini ideata da Sonia Peana con la collaborazione di Catia Gori e realizzata con il patrocinio dall’associazione IJVAS e il sostegno del Banco di Sardegna. Il progetto parte da Livorno, direzione Golfo Aranci, con Clara Zucchetti (percussioni e voce) e Sara Magon (Ukulele e voce) che accompagneranno i bambini in nave verso la Sardegna e verso le iniziative organizzate per loro nell’ambito di Time to Children

leggi l’articolo su: Sardegna Reporter

#Sassari #sardegnareporter #vivisassari #Manifestazioni ed Eventi, News

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome