«Più sicurezza stradale a Li Punti»

0
0

Il sindaco ha incontrato ieri tre rappresentanti del Comitato di quartiere
SASSARI. La metropolitana di superficie arriverà a Li Punti. È iniziato con questa rassicurazione l’incontro che si è tenuto questa mattina a Palazzo Ducale, tra il sindaco Nanni Campus e tre rappresentanti del Comitato di quartiere di Li Punti: Gianni Sale, Giovanni Farina e Salvatore Pirisi. Molti i temi discussi: oltre alla metro, in primo piano la sicurezza stradale e a seguire la necessità di prevedere più servizi in uno dei quartieri più popolosi di Sassari.Il primo cittadino ha spiegato i limiti per intervenire, che sono sempre di natura economica: l’assenza di fondi per fare fronte alle normali manutenzioni, con l’Europa che sovvenziona soltanto nuove opere. Ha però rassicurato su un punto: la sicurezza stradale – soprattutto in via Domenico Millelire dove il tasso di mortalità degli incidenti stradali è molto elevato – è una priorità per l’Amministrazione: «Chiunque gestisce questa città deve sentirlo come un obbligo morale» ha detto Nanni Campus. Fin dal giorno del suo insediamento, il sindaco ha chiesto che fosse previsto un semaforo in quel tratto, per obbligare gli automobilisti a rallentare. La pandemia ha bloccato qualsiasi attività, ma ora si procederà quanto prima, in attesa di trovare finanziamenti per prevedere rotatorie, che richiedono un iter burocratico più complesso.Quanto alla chiusura del Punto Città, il sindaco ha spiegato che c’è una gravissima carenza di personale: per poter usare le postazioni esistenti, sarebbe necessario una volta e mezzo in più di personale rispetto a quello attualmente in servizio. L’obiettivo è in ogni caso consentire ai cittadini di richiedere e ottenere i documenti stando a casa, attraverso la previsione di nuovi servizi digitali. Si è poi parlato della previsione di una piazza e della sua intitolazione alla memoria di Don Bazzoni, dei lavori interrotti dalle ditte della fibra ottica e dell’illuminazione pubblica carente in alcuni tratti. Nanni Campus ha spiegato che l’assenza di fondi rende difficile prevedere soluzioni immediate per alcuni punti, ma ha rassicurato sul fatto che a molte delle problematiche segnalate l’smministrazione sta già cercando rimedi. Ha inoltre aggiunto che nell’idea del Comune la linea metropolitana, oltre a Li Punti, dovrebbe passare per Baldinca e Ottava per arrivare a Porto Torres e al porto, così come deve arrivare all’aeroporto e ad Alghero. Per questi progetti si dovranno attendere i fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome