«Offriamo un supporto a 360 gradi»

0
11

Il prorettore Eraldo Sanna Passino teme l’onda lunga dei problemi alle Superiori
SASSARI. Sono stati tanti i temi trattati ieri mattina dal rettore e dai prorettori competenti. Il discorso di Eraldo Sanna Passino, responsabile della didattica, è stato però molto simile a un grido di allarme: «La Sardegna quest’anno ha fatto registrare, e largamente, il peggior dato in Italia nella percentuale dei non ammessi alla maturità – ha detto –. Sarà un fardello che purtroppo ci porteremo dietro nei prossimi anni, così come quest’anno cercheremo di sostenere anche dal punto di vista psicologico i nuovi iscritti che hanno completato le superiori con la Dad. L’impatto potrebbe essere devastante, soprattutto se si pensa che il momento critico dell’abbandono universitario arriva tra il primo e il secondo anno, quando cioè lo studente può sentirsi inadeguato».Anche per questo è allo studio una collaborazione con le scuole superiori che già dagli ultimi due anni consenta all’Ateneo sassarese di preparare in qualche modo i ragazzi a quella che sarà la loro nuova vita studentesca. Così come sarà importante il sostegno che, attraverso la scuola estiva UnissTest (cominciata proprio lunedì scorso), verrà dato ai duecento ragazzi che hanno scelto di sacrificare la loro estate allo studio e impegnarsi al massimo per raggiungere il loro obiettivo, quello di entrare in un corso di laurea a numero chiuso. Ho parlato con loro, ho apprezzato la scelta che hanno fatto e detto che noi vogliamo essere al loro fianco».Un altro problema è quello sottolineato da Angela Spanu, prorettrice agli aspetti medici sanitari: la bassa percentuale degli studenti sardi nei corsi di specializzazione: «Sono corsi nazionali e quindi arrivano da tutta Italia – ha spiegato – e i laureati della nostra isola che riescono ad accedervi sono circa la metà. Il problema è anche che quelli provenienti da oltre Sardegna tendono poi a rientrare nelle loro sedi di residenza e questo abbassa i nostri numeri». Tra le numerose iniziative messe in campo, ci sono soprattutto quelle in collaborazione con l’Aou e l’Ats.

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

promo lavazza sassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome