Il Comune di Sorso blinda il suolo pubblico lungo la costa

0
25

SORSO. Paninari, bibitari e ambulanti vari dovranno farsene una ragione: attualmente non sono i benvenuti lungo la fascia costiera e nelle discese a mare di Platamona. Più avanti si vedrà, ma non…di Salvatore Santoni

15 Luglio 2021

SORSO. Paninari, bibitari e ambulanti vari dovranno farsene una ragione: attualmente non sono i benvenuti lungo la fascia costiera e nelle discese a mare di Platamona. Più avanti si vedrà, ma non prima che il consiglio comunale decida le nuove regole per concedere il suolo pubblico.Nei giorni scorsi la giunta comunale, guidata dal sindaco Fabrizio Demelas, ha varato una disposizione transitoria che vieta le nuove concessioni in attesa di approvare un nuovo regolamento ad hoc. Gli spazi pubblici potranno essere assegnati soltanto in occasione di manifestazioni autorizzate dall’amministrazione comunale. Tutte le altre saranno rigettate.Con la delibera numero 97 del primo luglio 2021, l’esecutivo di piazza Garibaldi ha deciso di mettere in campo «azioni prioritarie per una nuova e più articolata offerta commerciale al fine di rivitalizzare la costa e consolidare e sviluppare il turismo, garantendo in modo pieno ed integrale la tutela e la valorizzazione delle caratteristiche ambientali e paesaggistiche presenti».Di qui la decisione di escludere la possibilità di concedere il suolo pubblico lungo la fascia costiera per l’esercizio di attività commerciali, artigianali e di somministrazione, in ciascuna discesa a mare, compresa la fascia costiera, ad eccezione di quelle a servizio delle attività già in concessione.Il provvedimento del Comune di Sorso è arrivato nel pieno della stagione estiva e ha già creato qualche “vittima”. Proprio nei giorni scorsi, infatti, gli uffici hanno rigettato la richiesta di suolo pubblico per un camion bar nella Rotonda di Platamona.«È una misura temporanea – commenta il primo cittadino – nelle more della predisposizione di apposito regolamento sulla materia che manca da decenni e che sarà approvato a breve dal consiglio comunale. In assenza di questo regolamento mancano i criteri minimi per una pianificazione ordinata degli spazi da assegnare».

leggi l’articolo su: La nuova Sardegna

#Sassari #lanuovasardegna #cronaca #vivisassari

RISPONDI

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome